Su qesto pc manca il plugin Flash player
   

 
  Gustare la Vita - Teatro Ariberto
20 Novembre 2014
 
   
 

Il seminario che ha concluso l'anno 2014 è stato dedicato a "L'Arte di gustare la Vita" per trasformare la propria vita in un'opera d'arte, tema a cui saranno ispirati tutti i seminari della formazione permanente gratuita ETLINE del 2015.

La serata del 20 novembre, ha avuto come obiettivo quello di condurre i partecipanti a gustare "un buffet di idee" per fare il pieno di energia, sia a livello mentale che a livello fisico.

Il seminario è iniziato con il riconoscimento attraverso le medaglie ETLINE "Fare la Differenza", dedicate a chi nell'anno 2014 si è contraddistinto, "facendo la differenza" in ambito formativo

  • Debora Chinello, ha ricevuto il "Premio alla Carriera" da Sergio Zuppelli, membro storico e docente del Master Risorse Umane di ETLINE, frequentato da Debora all'inizio della carriera. Il premio è stato assegnato come riconoscimento per i 16 anni dedicati a sviluppare tramite la formazione le risorse umane in azienda. Infatti dopo varie e significative esperienze professionali in ambito HR e Formazione nel settore cosmetico, oggi è Training and Beauty Manager Polo Selettivo di Pierre Fabre.


    Alessandro Torchio, Head of Consulting & Country Sales Coach, ha ricevuto il "Premio all'Innovazione", per il progetto "Coaching e Formazione Innovativa". Alessandro all'interno di Arval, gruppo BNP Paribas, ha seguito un percorso di coaching individuale con Barbara Demi, della durata di due anni, per divenire a sua volta Business Coach conducendo in coaching oltre 200 persone della propria azienda. Tale esperienza è sfociata nel libro "Business Coaching", scritto a quattro mani, con Barbara Demi, vademecum concreto per essere e fare il Manager Coach.

    Il premio è stato consegnato da Laura Bosser, Corporate HR Organization & Development Manager Mapei, che ha contribuito alla stesura del libro attraverso la propria testimonianza sull'importanza dell'attività di Business Coaching.


    ARAG è stata premiata per il progetto "Essere leader e Manager 2013 – 2014" per aver sviluppato un progetto di formazione continua, aver erogato un percorso integrato di formazione d'aula, di team coaching e di team building, aver fatto crescere le competenze riguardanti il sapere, il saper fare ed il sapere essere del manager, aver potenziato l'individuo oltre le competenze, ascoltando i bisogni direttamente dalle persone coinvolte. Il premio è stato consegnato da Simona Bait, Responsabile Organizzativo e Didattico di ETLINE e ritirato da Natascia Lamattina della Direzione Generale in qualità di Responsabile Risorse Umane.


    UBS è stata premiata per il progetto "Il Valore della Diversità" per l'importanza della formazione nella valorizzazione dell'individuo. Questo progetto è stato dedicato al tema della Gender Diversity con particolare focus su gli aspetti comunicativi e negoziali, per potenziare le capacità personali relazionali e l'impatto positivo di tale tema sul business.

    Rachele Esengrini, HR Program Management & Delivery S-CH/Italy UBS Business University, ha ricevuto il premio da Simona Petreni, Responsabile Progettazione di ETLINE e da Elisa Biolzi autrice della tesi 2014 sulla Gender Diversity.



Entrando nel vivo del seminario, dopo una rappresentazione teatrale del team ETLINE, Barbara Demi ha condotto i partecipanti a scoprire cosa può renderci consapevoli delle nostre dinamiche mentali, dei nostri comportamenti e come questi influenzino il nostro stato emotivo e mentale.

Infatti fondamentale ogni giorno è scegliere "la positività mentale ed emotiva", andando ad identificare le attività che effettivamente ci producono benessere, caricandoci energeticamente. Per illuminare la nostra vita è importante iniziare la giornata essendo grati a se stessi, potenziando l'autostima e terminare il nostro cammino giornaliero scegliendo le emozioni da provare il giorno dopo, individuando persone, azioni e situazioni, che possano rendere le emozioni costruttive e positive.

A seguito della serata, Roberto Crotti, Consulente ETLINE nell'ambito della formazione sulle tecniche di recupero energetico e del coaching posturale, ha condiviso con il pubblico la parte di benessere fisico, legata all'alimentazione e alle abitudini errate che possono portarci ad un affaticamento e sovraccarico dei nostri organi interni.

Sono stati presentati metodi e consigli per depurare il nostro corpo imparando a riconoscere il concetto di normalità, ad ascoltarlo per raggiungere il benessere fisico.

Il seminario è proseguito con l'assegnazione del premio speciale "Potenziamento mentale e corporeo", vinto da Monica Scavone di BNP Paribas.

Per celebrare il natale ETLINE sono stati estratti 30 premi benessere:

  • 1 libro "Le tecniche del coaching" di B. Demi e G. Castelnuovo, vinto da Rossella Guidobono di Eurofood

  • 1 libro "Il Carisma" di M. Piovano, vinto da Piera Rebosio di Mapei

  • 1 libro "I grandi nel mondo dei piccoli" di G. Cavalli, E. Di Terlizzi, A. Valle, vinto da Giovanna Carrato di Ernst & Youngs

  • 1 libro "Manuale di scrittura per l'assistente di direzione" a cura di Secretary.it, vinto da Lara Finocchi di Imeco

  • 2 biglietti gratuiti per lo spettacolo di Federica Fracassi "Magda e lo spavento" dal 21 novembre al 6 dicembre 2014 al Teatro i, vinti da Patrizia Bellu di Accenture e Dolores Crestescu di Lowendalmasai

  • 8 aperitivi al Puerto Alegre, con ballo a seguito, vinti da Aldo Turco di Sisrma, Christophe Pierre di BNP Paribas, Eugenio Lofogo di Barclays, Stefano Dirindin di Prelios, Ginevra Paro di Ceriani, Guido Gomme, Emanuela Guidetti di Prelios, Gabriele Frontoni di BNP Paribas

  • 2 cene QPizza alla carta, vinte da Anna Zanzottera Accenture, Silvia Singereanu Pfizer,

  • 4 cene QPizza menù pizza, vinte da Debora Chinello Pierre Fabre, Antonella Ravaglia Cree, Patrizia Branzoni Cofidis, Alice Bellesso The Boston Consulting Group

  • 2 percorsi benessere Cascina Caremma con spa, vinti da Carlo Meloni di GE Capital, Monica Beghini CartaSi

  • 2 happy hour Cascina Caremma in piscina con spa, aperitivo e cena bordo piscina, vinti da Caterina Tornaquindici di BNP Paribas e Marco Cerra di Vinavil

  • 2 menù gastronomici Cascina Caremma con pranzo o cena del mese, vinti da Lisa Libreri di Dell e Stefania Sartori di Contabildata

  • 1 pernottamento Agriturismo Fiorida con colazione e accesso alla spa per due persone, vinto da Silvia Bittoni Dutsche Bank

  • 3 entrate Agriturismo Fiorida ai percorsi benessere con accesso alla spa per due persone, vinti da Patrizia Dardani di Solvay, Ruzena Stapanova di Prysmian, Alessandro Torchio di Arval


L'evento "L'Arte di gustare la Vita", è stato accolto con entusiasmo dai partecipanti, riportiamo a seguito alcuni feedback a seguito della serata, che ci hanno emozionato:

"La prima cosa gratificante che ho pensato stamattina sei stata tu.
Tu e la tua voglia di regalare sempre a noi poveri manager un pò di speranza verso il "io speriamo che me la cavo".
Sei stata bravissima ed è stata una serata molto emozionante.
Ci avete fatto sorridere e ci avete portato per due ore in un mondo più sereno.
Grazie per i preziosi consigli e grazie per la considerazione.
Allarga i ringraziamenti a tutto il tuo fantastico team, sono davvero belle persone che rispecchiano il tuo "spirito"!
Vi voglio bene.
A presto,
Alessandro
"
Alessandro Torchio Head of Consulting & Country Sales Coach


"Ho raccolto commenti molto positivi anche dalle colleghe presenti ieri sera, ho preferito chiedere anche se non avevo dubbi J.
Questi seminari rappresentano un modo per apprendere sempre qualcosa di nuovo su sé stessi e sugli altri. Questa particolare serata mi ha portato a riflettere su cosa davvero siano le emozioni, e ne ho provate tante: allegria, sorpresa, aperta condivisione sono solo alcune di queste. Bella serata, frizzante e coinvolgente. Grazie per la generosità con cui diffondi la cultura del benessere, oggi in molti contesti sottovalutata. Gustare la vita è davvero un'arte!"

Paola Vaglica, HR & Development Manager IGT (Italy Greece Turkey), BCG Consulting


Care tutte,
grazie per la splendida serata!
L'espressione che mi sono portata a casa e' "In me mago agere"

Eti Altea Femia, Iuss Pavia


Cara Barbara, buongiorno!
i tuoi seminari sono energizzanti: mi porto a casa una carica di energia positiva, voglia di fare, ma anche di fermarmi e riprendere il filo della matassa con me stessa per congratularmi perché questa è una possibilità e un'opportunità che dò a me stessa e di conseguenza a tutte le persone che mi sono accanto. Tu ed il tuo Team siete strepitosi; siete d'esempio e fate la differenza!
Grazie veramente con il cuore per questi incontri che mi hanno accompagnato in questo anno e sono felice di rincontrarti/vi l'anno prossimo per "gustarci" la vita insieme.
Ora – che sono ancora sola in ufficio – vorrei iniziare con la risata delle vocali che mi è piaciuta un casino...Roberto Crotti è proprio bravo, mi piacerebbe incontrarlo personalmente per farmi dare qualche altro suo prezioso consiglio su alimentazione, corpo, postura etc... pensi sia possibile avere suo recapito per contattarlo ?
Ti riconosco una grande dote, Barbara, tu sai arrivare al cuore delle persone in un modo così vero, unico e determinato che io mi sento accolta e guidata, ma anche un po' "strapazzata"/"stropicciata" e spinta ad osare ... e questo non mi dispiace!

Ornella Coluccio, Jungheinrich


"Io mi sono portata a casa serenità, leggerezza mentale, benessere generale e considerando che ero fuori casa da 3 gg, che non vedevo la bimba, che avevo mangiato poco e di fretta ( esattamente da copione) e che arrivavo diretta da Napoli....direi ...tanta roba!!!
Mi sono portata a casa anche la soddisfazione ed il piacere di vedere sorridere il mio compagno, di liberarsi dal peso della giornata facendo strane facce, tirando fuori il suo bambino ribelle che tende molto a controllare...oltre alla grande soddisfazione e gioia di avere il vostro importante riconoscimento e stima per il il mio percorso ...che avrebbe preso strade diverse di sicuro...chissà sarei forse ancora una quercia senza di voi!!!!
Direi quindi da filosofa "Non bisogna tenere in massimo conto il vivere come tale, bensì il vivere bene" che non poteva che essere una citazione del grande e lungimirante Platone.
Con questo vi abbraccio, saluto e vi informo che appena svegliata stamattina...bhè si mi sono fermata dopo i 30' di balzo giù dal letto per dirmi: "Ma tu..... come vuoi che sia questa tua giornata?... Ciao, Vi voglio bene
Grazie"

Debora Chinello, Training and Beauty Manager Polo Selettivo di Pierre Fabre


"...Riguardo la serata del 20 novembre che hai tenuto al Teatro Ariberto posso dire di aver partecipato ad un incontro grandioso, pieno di partecipazione e divertente.
Le cose che ho imparato nel corso della serata sono transitate da te Coach DEMI Barbara a noi del pubblico in modo fluido e condite da tanta allegria.
Gli importanti insegnamenti che hai esposto, infatti, rimangono impressi proprio perché impartiti con ironia sapientemente dosata.
Se a questo ci aggiungi che tu, Barbara, ti rivolgi di volta in volta a noi presenti chiamandoci per nome (da ricordare che quella sera c'erano circa 250 persone) e che non trascuri di deliziare il palato dei presenti con un ricco buffet, che dire... Personalmente auguro a tutti di incontrare una grande esperta del settore come te - coadiuvata tra l'altro da un efficientissimo Staff, con la quale imparare tantissimo circa la gestione delle risorse e delle emozioni umane e molto altro.
Cosa c'è di meglio che affrontare temi delicati e, a volte, molto complicati...con il sorriso sulle labbra?"

Antonella Pajarini, Polizia di Stato


"...in primo luogo vi voglio ringraziare, tutto il vostro gruppo di Etline per la bellissima sera di giovedì scorso 20 novembre.
Era molto interessante, divertente, l'aperitivo era ottimo come pure il brindisi finale. (in piu' ho vinto anche un premio...) cosa volere di più
Sono molto contenta che l'anno prossimo continuerete con i vostri incontri su "come gustare la vita".
Grazie tante a tutti voi!"

Ruzena Stepanova, Prysmian Group


"Ciao a Tutti,
grazie per l'atmosfera "fatata" della serata che, come sempre, emoziona ed energizza, lasciando sempre cose nuove nella nostra personale "cassetta degli attrezzi" da utilizzare alla bisogna!E, visto che gradite un "feedback", apro la mia "toolkit" e vi dico cosa ho trovato stamattina, considerando che sto gettando i "martelli" e le seghe (mentali) e quindi c'è più spazio per utensili più raffinati ed efficaci: Gratitudine, per ciò che posseggo, i difetti, le attitudini, la predisposizione d'animo giornaliera che contribuiscono a forgiare l'autostima.
Doni, le emozioni e i riconoscimenti che posso trasmettere alle persone con cui interagisco senza attendere nulla in cambio, Egoismo, quello sano, quello che esalta le nostre qualità migliori e ci coccola ancorandoci al "qui e ora" al vero senso della vita, alla degustazione del reale tempo presente.
In me mago agere, immaginare, creare nuove associazioni tra i neuroni, quindi nuove idee, nuovi progetti, intuizioni: il mago che ognuno di noi deve conoscere più a fondo.
Errori, libertà di sbagliare, impegnandosi però a trarre il meglio per aggiustare il tiro anziché mortificarsi o abbattersi.
Ridere, per stare bene, per alleggerire la tensione, donare un sorriso sincero per rasserenare: "un sorriso è una luce attraverso la finestra del tuo viso che dice alla gente che il tuo cuore è in casa." (anonimo)."

Riccardo Iarocci, Retail Administration & Pricing, Tamoil Italia


Il Seminario è terminato con il brindisi e dolci natalizi per tutti gli ospiti.
Auguriamo a tutti BUON NATALE e vi aspettiamo nel 2015 con "L'Arte di gustare la Vita" con la formazione ETLINE.
Tutte le date e i titoli relativi alla formazione permanente gratuita saranno pubblicati sul sito a partire da gennaio.




SI RINGRAZIA PER LA SERATA











 
 


 
  La leadership a due e in pubblico
18 Settembre 2014
 
   
 

Il quarto seminario dell’anno, ha avuto l’obiettivo di concentrarsi sulle capacità e competenze che caratterizzano la Leadership a due e in pubblico: ciascuno di noi, a prescindere dal ruolo lavorativo e dal tipo di attività, può trasmettere agli altri autorevolezza e assertività attraverso il proprio modo di comunicare e addirittura di muoversi o camminare.

Leadership a 360° quindi: da essere Leader di se stessi a Leader che effettivamente gestiscono altre persone.

La consapevolezza da cui partire, e aspetto più importante, è credere in se stessi, nelle proprie capacità, nelle proprie risorse sia espresse che potenziali e attivarle affinché si possano mettere in campo e svilupparle al meglio nelle situazioni quotidiane.

Grazie alle testimonianze della serata, e ai team work svolti dal pubblico presente, è stato possibile intraprendere un percorso di riflessione e spunti pratici per poter mettere in atto la propria Leadership nel proprio contesto sia lavorativo che personale.

In particolare attraverso la testimonianza di Aldo Magnone Partner di Arethusa, società di ricerca e selezione del personale di Milano, è stato approfondito cosa si intende per Leadership nel contesto aziendale e cosa cercano le aziende oggi, come ieri, nelle persone che entrano a far parte del proprio gruppo.

Attraverso la testimonianza di Elisa Biolzi Jr HR, sono stati presentati aspetti simili e divergenti della Leadership di genere: come uomini e donne vivono e attivano comportamenti da Leader nel contesto lavorativo e personale.

I partecipanti sono stati coinvolti in prima persona, durante il seminario, per sperimentare tecniche e strumenti pratici di Leadership tenendo conto sia degli aspetti oggettivi sia degli aspetti personali e di creatività che ci rendono unici, rendono unica anche la Leadership di ognuno di noi.

A seguito vi riportiamo le parole chiave finali della serata dette dai partecipanti:

esperienza, divertimento, consigli utili, simpatia, creatività nell’essere Leader, stimolo, importanza della postura, positività, capacità di coinvolgere tutti, esempi pratici, memoria del conflitto, empatia, catalizzare l’attenzione degli altri, definizione di “idiota assertivo”, coraggio, condivisione

Il seminario si è concluso con l'assegnazione di due medaglie ETLINE "Fare la differenza" dedicate ad Antonella Pajarini Ispettore Polizia di Stato che ha saputo distinguersi attraverso la propria Leadership ed Elisa Biolzi, Jr HR per i suoi studi e approfondimenti scientifici riguardo la Leadership di genere.
Il corso di Leadership della nostra Management School è stato vinto da Anna De Santis – Generali Assicurazioni.







Aperitivando


Barbara Demi, Elisa Biolzi, Donatella Benedetti




Team work


Team work


Team work


Team work


Team work


Premiazione Antonella Pajarini, premia Barbara Demi e Simona Bait


Antonella Pajarini, Barbara Demi


Premiazione Elisa Biolzi, premia Barbara Demi e Simona Bait


Corso di due giornate di Leadership della Management School ETLINE premiazione Anna De Santis,
premia Barbara Demi e Simona Bait




Team ETLINE


Risultati e riflessioni prodotti nei Team work


Risultati e riflessioni prodotti nei Team work


Risultati e riflessioni prodotti nei Team work


Risultati e riflessioni prodotti nei Team work






 
 


 
  La negoziAZIONE, per allenarti nella fine arte del negoziato nella vita e nel lavoro
22 Maggio 2014
 
   
 

Il seminario sulla negoziazione ha portato immediatamente la consapevolezza che ci piaccia o no siamo tutti negoziatori!

Ognuno di noi negozia qualcosa tutti i giorni anche quando non ci si pensa.

Sono sempre più le occasioni che richiedono un negoziato e purtroppo il conflitto latente ed espresso è un'azienda in espansione!

Ognuno di noi vuole e ha il diritto di partecipare alle decisioni che lo riguardano e questo porta la differenza nel lavoro e nella vita senza subire decisioni personali prese da altri.

Benché il negoziato si svolga tutti i giorni, non è facile farlo bene e per fare la differenza è importante che impariamo il metodo del negoziato costruttivo che è duro con il problema e morbido verso le persone.

Non è importante ricorrere a trucchi né a tentativi di impressionare la controparte, ma è importante essere corretti utilizzando strumenti comunicativi negoziali che siano in grado anche di proteggerci contro coloro che vorrebbero approfittare della nostra correttezza.

La serata ha avuto quindi l'obiettivo di riprendere e potenziare gli strumenti per saper negoziare anche se in campi diversi, tenendo conto che gli elementi fondamentali non cambiano.

Barbara Demi ha condotto i partecipanti in un allenamento pratico negoziale, sia con se stessi che con gli altri anche attraverso la testimonianza di Alessandro Torchio, Head of Consulting & Country Arval, che grazie all'esperienza come coach interno all'azienda oltre che uomo di business ha parlato di una negoziazione particolare, ricorrente nel lavoro e nella vita: la gestione dei feedback.

A seguito vi riportiamo le parole chiave finali della serata dette dai partecipanti:

Sfida, guardarsi dentro, essere più coraggiosi, respirare prima di agire, feedback, coordinazione, ascoltarsi e ascoltare, azione, scegliere, dati, consapevolezza, dare e avere coraggio, valore, obiettivo, chiedere, essere generosi con se stessi, compromessi, dare e darsi la possibilità del riconoscimento.

Il seminario ha avuto anche l'assegnazione di tre medaglie ETLINE "Fare la differenza" dedicate a chi ha saputo negoziare per se e/o per gli altri in modo eccellente: Jessica Alessi di SECRETARY.IT, Donatella Benedetti di BANCA INTESA SAN PAOLO, Francesco Saviozzi di SDA BOCCONI.
Il life coaching negoziale è stato vinto da Chiara Riccardi di SPES.










Negoziazioni simulate Barbara Demi e Maria Serena Ciambellotti


Premiazione Jessica Alessi,
premia Ornella Coluccio Barbara Demi e Simona Bait


Premiazione Jessica Alessi,
premia Ornella Coluccio Barbara Demi e Simona Bait


Premiazione Donatella Benedetti, premia Elisa Biolzi e Barbara Demi


Premiazione Francesco Saviozzi, premia Barbara Demi


Premiazione Francesco Saviozzi, premia Barbara Demi


Barbara Demi e Alessandro Torchio


Life coaching premiazione Chiara Riccardi



 
 


 
  Ridurre lo stress mentale e fisico
8 Aprile 2014
 
   
 

Il secondo seminario dell'anno, dedicato al tema "FARE LA DIFFERENZA", ha avuto come obiettivo ridurre lo stress attraverso il lavoro a tre mani di Barbara Demi, Roberto Crotti e Irene Vargas.

"Gli dei ci hanno concesso lunga vita, ma noi l'abbiamo abbreviata" diceva Seneca, infatti l'essere umano, pur ritenendosi il coronamento della creazione, un essere sapiente e di conseguenza anche saggio, talvolta non è capace di fare una disamina critica e analitica della sua situazione, di vedere se stesso con distacco e prendere decisioni sulla base di fatti oggettivi e concreti.

Ciò facendo infatti "l'uomo" perde di vista il fatto che vivere la vita sotto la tirannia della costante velocità e con un insieme di abitudini errate, lo porti ad essere un produttore eccessivo di "cortisolo" l'ormone dello stress.

Durante il seminario il pubblico è stato posto di fronte a questa riflessione: "vogliamo lasciare che le cose facciano il loro corso, oppure vogliamo scegliere di aiutare noi stessi?"

Il massimo dovere possibile è l'espressione delle potenzialità interiori del proprio io e raggiungere un senso di consapevolezza e di auto-sicurezza. Per ottenere ciò dobbiamo accertare quale sia il nostro livello di stress gestibile, di provare gioia malgrado lo stress e addirittura mediante lo stress per diventare artefici della nostra felicità. Per questo motivo gli interventi di Barbara Demi, su come ridurre lo stress mentale, hanno condotto i partecipanti a comprendere cosa dia distress, ovvero la mancanza di soddisfazione di bisogni vitali e di ciò che vogliamo veramente, e cosa dia eustress, ovvero la soddisfazione dei bisogni vitali e la realizzazione dei nostri desideri e obiettivi.

Roberto Crotti ha spiegato gli aspetti fisiologici relativi allo stress e come prendersi cura di se, sbloccando le energie, liberandosi dalle tossine e esprimendo le emozioni.

Irene Vargas infine ha portato le persone in una "ronda", dove il corpo è diventato l'attore principale per dare divertimento e armonia.

Vi riportiamo a seguito le emozioni positive ricorrenti e le parole chiave liberate dai partecipanti e da loro dichiarate alla fine del seminario:
"occhi, energia, relax, leggero, divertimento, spensieratezza, novità, commosso, gioco, contatto, felicità, armonia, solarità, simpatia, scioltezza, allegria, consapevolezza, "respirata", movimento, trasformato, benessere, autoironia, ricordo, grazie,"

Il seminario ha avuto all'inizio una celebrazione importante, per ricordare un grandissimo docente di ETLINE, Maurizio Balboni, che, attraverso il suo lavoro di coach e formatore, ha toccato la vita di molte persone facendo la differenza attraverso percorsi di crescita di gruppo e di life coaching.

Il Riconoscimento "Maurizio Balboni" all'eccellenza formativa infatti è stato dedicato a 5 aziende che hanno sviluppato negli ultimi 3 anni progetti speciali per ridurre lo stress organizzativo e personale:

  • ARVAL - Progetto "TEAM LEADER" e "Coaching per Coach", Federica Marzi e Vittoria Santacroce


  • BARCLAYS - Progetto "ARCOBALENO relativo alla Diversity", Elizabeth Camerini e Fabio Di Nunno


  • BNP PARIBAS BNL - Progetto ciclo "LUNCH TRAINING" su i temi Riduzione dello stress, Il Cambiamento; la Concentrazione e la diversity), Natalia Musazzi e Francesca Ceserani


  • MAPEI - Progetto "GESTIONE DEI COLLABORATORI", Laura Bosser


  • SOLVAY - Progetto "LIFE COACHING", "ASSERTIVITÀ" e "CHANGE MANAGEMENT", Letizia Nardis


Il seminario è terminato con l'assegnazione di due premi speciali relativi a due percorsi di 6 ore di "LIFE COACHING" ETLINE e Associati, i cui vincitori sono stati: Laura Bosser di Mapei Italia e Gian Mario Casati di Accenture.



Barbara Demi, Irene Vargas e Simona Bait


I docenti prima di iniziare: Roberto Crotti, Barbara Demi e Irene Vargas


Irene Vargas


Riconoscimento Maurizio Balboni:ARVAL, BARCLAYS, BNP PARIBAS, MAPEI e SOLVAY




Roberto Crotti


Corpo in Movimento


Premiazione Life Coaching Laura Bosser MAPEI


Premio Life Coaching Gian Mario Casati ACCENTURE


Irene Vargas











 
 


 
  Fare la differenza nel lavoro e nella vita
13 Marzo 2014
 
   
 

Il primo seminario dell’anno, dedicato al tema dell’anno "FARE LA DIFFERENZA", è stato animato da Barbara Demi insieme ai prestigiosi ospiti, provenienti sia dall’ambito aziendale che dal mondo sportivo.
Ad iniziare è stata Ornella Coluccio, "l’alter ego” dell’amministratore delegato e del direttore generale in Jungheinrich. Ad introdurla è stata Jessica Alessi Taliento, direttore editoriale e Presidente di Secretary.it, che ha messo in luce le doti umane e professionali con cui Ornella fa la differenza ogni giorno come donna e come assistente di direzione..

Da questa calda testimonianza hanno preso vita le riflessioni del pubblico, nella vita e nel lavoro, facendo cogliere le tante sfumature collegate al “fare la differenza”.

Successivamente, Barbara Demi ha condotto i partecipanti in un allenamento pratico, grazie anche alle splendide e costruttive testimonianze di due storici campioni del calcio, Evaristo Beccalossi e Antonio Cabrini. Dal loro osservatorio, sia come giocatori delle squadre Inter il primo e Juventus il secondo, oltre che dall’esperienza in nazionale, sia come allenatori e motivatori, si è costruito l’identikit di doti personali, professionali con cui eccellere e fare la differenza.
Il gioco a squadre finale, come in un vero e proprio team building, ha portato i partecipanti ad agire “il fare la differenza”, per portare la squadra ad essere un gruppo costruttivo ed orientato all’obiettivo.

A seguito della serata, vi riportiamo alcuni feedback scritti dai partecipanti emozionandoci, hanno fatto arrivare un caldo grazio per quanto anche ETLINE faccia la differenza essendo base sicura formativa! Grazie a tutti!

“La cosa principale che mi è rimasta è che non è possibile fare la differenza se non si è nel contesto giusto. Bisogna prima trovare il lavoro che fa per sè, per il quale si ha passione e piacere, e su quello si può costruire l'impossibile.”
Guido Rossi, Arag

“Intimi e speranzosi. Negli occhi delle Persone ho visto la voglia di fare la differenza nel Mondo e per il Mondo Avanti così!”
Stefano Sanginiti, Team Leader Arval

“Serata molto coinvolgente, che è riuscita a coniugare emozioni e teoria con indicazioni pratiche su come "fare la differenza". Veramente interessanti i "take home" sia per la vita lavorativa sia per la sfera privata. Ho apprezzato anche il momento di condivisione con gli ospiti che hanno confermato il loro spessore umano e professionale.
Grazie ancora. Saluti e a presto!”

Paola Vaglica, HR & Development Manager IGT (Italy Greece Turkey), BCG Consulting

“Ciao a tutti,
La serata è stata molto bella e coinvolgente e credo che avere dei testimonial, fuori da quello che normalmente consideriamo come ambito aziendale, che portino esperienze utili a “fare un analisi interna”, possa essere di sicuro aiuto e supporto.
Personalmente sono molto soddisfatto e cercherò in primis di applicare quanto emerso durante l’incontro. Non sarà facile, lo so, ma il fatto di ricevere questi input (che mettono in luce quanto dovrebbe essere una cosa naturale) aiuta a NON dimenticare che.. bisogna vivere.
Grazie ancora e conto sul prossimo incontro.”

Gianluca Ghiadoni, Product Marketing Manager OPP (Office Personal Products), Canon Italia S.p.A.

“Questi incontri, simpatici, divertenti e sani, sono veri e propri “call to action”, ti fanno razionalizzare che a volte per star bene con te e con il mondo serve una dose di sano egoismo...”
Un abbraccio! Silvia

Silvia Volpe, PROiG Marketing Manager, Canon Italia SpA

“Da diversi anni lavoro con Barbara e lo staff di ET Line ed è sempre emozionante costruire percorsi di crescita in azienda ma anche condividere con loro in modo spensierato delle serate a tema.
Ero molto incuriosita dal titolo della serata e non sapevo cosa aspettarmi e anche questa volta sono rimasta
stupita, mi sono divertita e ho portato a casa una grande energia positiva!
Ho scoperto che “fare la differenza” in fondo è facile! ….vuol dire fermarsi, ascoltarsi e dedicare del tempo a noi stessi per poi guardarci intorno ed avvicinarci agli altri in modo nuovo e più sensibile...
Ancora una volta Barbara ed il suo allegro team con la compagnia anche del mitico Cabrini e del fantasioso Beccalossi (fantasista… scusate!) ce lo hanno fatto provare, giocando e divertendoci insieme in una piacevolissima serata dove tutti abbiamo provato a essere e a fare qualcosa in modo diverso.
Un particolare ringraziamento agli amici di ETLINE per le emozioni ed i preziosi suggerimenti e spunti pratici che tutte le volte sapete darci e soprattutto farci sperimentare!”

Con voi riusciamo sempre a fare la differenza!
Laura Bosser, Corporate HR & Organization Dept., MAPEI


“Fare la differenza” per me significa esprimere la propria personalità con determinazione, superare i momenti impegnativi e/o difficili con grinta, cercare sempre nuovi stimoli e stimolare gli altri stupendoli. Comunque grazie per la piacevole serata, i vostri seminari sono sempre un ottima palestra mentale.”
Maria Ripamonti
Responsabile settore sintesi Milano, R&D, Vinavil S.p.A.


“Ciao Barbara....che dire..
La location, un teatro dove parlano i gesti, i suoni, i rumori ed ancora di più i silenzi ed i respiri.
Il gruppo, persone che per la maggior parte non si conoscevano tra loro, lì... per un unico scopo "fare la differenza".
Gli ospiti interessanti, divertenti e didattici anche per chi come me è non lontana ma lontanissima dal calcio.
Gli argomenti un'esplorazione in se stessi che più avanza più è bramosa di non fermarsi.
L'atmosfera carica di energia positiva
..bhè direi che non riuscire a portarsi a casa almeno 1 cosa su cui riflettere per "fare la differenza" era quasi impossibile... ma la differenza lo sappiamo non la fanno le persone ma l'IO, non è un'azione esterna ma una volontà interiore e per dirla con le mie immagini del deserto.”
"CI SI SIEDE SU UNA DUNA DI SABBIA. NON SI VEDE NULLA. NON SI SENTE NULLA. E TUTTAVIA QUALCHE COSA RISPLENDE NEL SILENZIO"

Deborah Chinello e Giorgia Sarais Training e Beauty Manager, Polo Selettivo
Pierre Fabre Italia S.p.A.


““Rompere” uno schema ed “irrompere” nell’innovazione: osare e sconfiggere il timore di chiedere, confrontarsi e proporre il nuovo ; godere e gioire dei risultati del proprio contributo al miglioramento di un processo “disfunzionale”; atleti come Cabrini nel calcio, ma anche altri in differenti discipline, hanno fatto (e fanno) la storia ribellandosi allei rigide regole dei maestri “federali”, imponendo il proprio talento.
Quali emozioni “incatenano” ancora le nostre risorse ed i nostri doni e ci impediscono di “differenziarci”? Forse la paura ? Ma pppaura dde che?? Le serate proposte da ETLINE aiutano a riscoprire i propri tratti, come una gomma che , cancellando superflui scarabocchi mostra una vita più autentica scritta in bella calligrafia...”

Riccardo Iarocci, Retail Administration & Pricing, Tamoil Italia

“Grazie per la piacevole serata e per la foto di gruppo a ricordo della "botta di c.."(scusate per la licenza poetica!).
Devo dire che la serata era iniziata con mille sensi di colpa per avere lasciato a casa mio figlio da solo ed ero piena di paure per avere accettato l'invito tutta sola e senza la compagnia delle colleghe (per di più non ero neanche riuscita ad andare dal parrucchiere ... Per noi donne qs e' il massimo per non sentirsi a proprio agio!)
La vincita del corso non ha fatto che confermare ulteriormente che nella vita bisogna osare e mettersi in gioco così come si è...
Ascoltare le varie testimonianze dell'altra sera e partecipare al gioco in gruppo, hanno fatto la differenza per me : sono tornata a casa felice e serena come dopo una bella serata trascorsa con vecchi amici ed in più ... la mia auto-stima era a 1000!
Grazie ancora e a presto.”

Elisabetta Cuomo, Account Manager, Solvay Ash & Derivatives

Il seminario è terminato con l’assegnazione di due premi speciali relativi al corso di due giornate della Management School di ETLINE e Associati, “Mondi emozionali” dedicato alla negoziazione, le cui vincitrici sono state Elisabetta Cuomo, Solvay Ash & Derivatives e Maria Ripamonti, Responsabile settore sintesi Milano, R&D, Vinavil S.p.A




Fare la Differenza


Barbara Demi e Antonio Cabrini


Evaristo Beccalossi, Antonio Cabrini e Barbara Demi


Barbara Demi, Evaristo Beccalossi e Simona Bait


Evaristo Beccalossi, Antonio Cabrini e Barbara Demi


Evaristo Beccalossi e Antonio Cabrini


I Vincitori


Jessica Alessi Taliento, Ornella Coluccio, Antonio Cabrini e Evaristo Beccalossi


La Squadra Vincente


Team Building


Team Building


Team Building






 
 


 
  L’arte della concentrazione, del benessere e del divertimento
21 Novembre 2013
 
   
 

L'ultimo seminario del 2013 dedicato al tema "SAPER SCEGLIERE", ha avuto come obiettivo quello di condurre i partecipanti in un viaggio interattivo sulla concentrazione e il benessere.
Il seminario è iniziato con un lavoro in gruppo per individuare cosa aiuti a concentrarsi e cosa distragga nella vita di tutti i giorni, di seguito i risultati riportati:

Concentrazione: Silenzio (7 gruppi) – motivazione verso obiettivo (4 gruppi) – posto comodo e solitudine nella natura e musica (3 gruppi) – relax (2 gruppi) – luce soffusa, ordine, scrivere, serenità, solitudine, punto fisso (agevola concentrazione), lavoro manuale, numeri, grafici, schemi (1 gruppo).

Distrazione: Rumore (8 gruppi) – pensieri e disordine (3 gruppi) – stanchezza, interruzioni, telefono (2 gruppi) – movimento (gente, traffico), difficoltà a dare priorità, argomenti non interessanti, immagini, persone in movimento, troppa luce, preoccupazioni, condizioni esterne (1 gruppo).

Successivamente, Barbara Demi ha condotto i partecipanti a scoprire tutto ciò che aumenta concretamente la concentrazione nella giornata (alimentazione, luce, movimento fisico, abitudini).

Il punto centrale su cui tutto è ruotato è stato il funzionamento del cervello con il suo maggiore nutrimento, il glucosio e il suo peggiore nemico, il cortisolo, che blocca gli ormoni del benessere, la dopamina e la serotonina.

A seguito della serata, vi riportiamo le parole chiave finali maggiormente raccolte durante la festa a seguito del seminario:

"stupefacente, poco per molto, utile, un nuovo modo per ridurre lo stress, interessante, applicabile, concreto, da approfondire per stare bene".

Il seminario è terminato con l’assegnazione del premio speciale Life coaching di sei ore, il cui vincitore è stato Emanuele Perrone, Team Leader di Arval.

In merito alle buone nuove, dopo il successo del seminario del 19 settembre, su come scrivere le mail in modo funzionale, a grande richiesta il percorso "Business Writing: tutte le S dello scrivere" diventa un corso della Management School aperto a tutti.

A condurlo sarà Luciana de Laurentiis, responsabile della comunicazione interna di Fastweb.

Auguriamo a tutti BUON NATALE e vi aspettiamo nel 2014 per "Fare la differenza nel lavoro e nella vita" con la formazione ETLINE.

Tutte le date e i titoli relativi alla formazione permanente gratuita saranno pubblicati sul sito a partire da gennaio.













Vincitore Life Coaching Emanuele Perrone, Arval


Victor Russo, Maria Serena Ciambellotti, Barbara Demi, Luciana de Laurentiis (Fastweb) e Simona Bait





 
 


 
  La comunicazione efficace a due e in pubblico
19 Settembre 2013
 
   
 

Il quarto appuntamento con ETLINE e Associati, dedicato al "SAPER SCEGLIERE", ha avuto come obiettivo quello di guidare i partecipanti a pensare, comunicare e agire con successo nelle mail e in pubblico.
Il seminario è iniziato definendo le aspettative dei partecipanti della serata, per individuare le linee guida con cui "costruire insieme" l'intervento di Luciana de Laurentiis e di Barbara Demi.

Le aspettative che sono emerse dai partecipanti sono in sintesi le seguenti:

"come dare notizie negative per mail e in pubblico", "quali astuzie possono esserci per essere più sicuri davanti agli altri", "come gestire le domande difficili per mail e in pubblico", "come rispondere a notizie negative", "come gestire il conflitto in pubblico"

Luciana De Laurentiis ha sviluppato in modo creattivo insieme ai partecipanti come scrivere in modo efficace le mail, sia per informare che per dare notizie negative in modo soft; la tecnica delle "5S" ha fatto da cornice di tutto l’intervento: "semplicità, sintesi, stile, struttura, sé-duzione".

Luciana ha quindi illustrato le 3 caratteristiche forti della scrittura:
1. chiarezza, semplicità e sintesi utilizzando il linguaggio positivo
2. la tecnica delle 3 K (kiss – kick – kiss)
3. l’utilizzo del CRG (Calibrazione – Ricalco – Guida)

Successivamente, Barbara Demi ha condotto i partecipanti in un allenamento pratico relativo al mondo del parlare in pubblico, toccando le tecniche per essere assertivi nel non verbale (sguardo, postura di base, utilizzo delle mani) e nel verbale (gestione delle obiezioni).

A seguito della serata, vi riportiamo le parole chiave finali maggiormente dette dai partecipanti alla fine della serata:
"calibrazione, "grazie", il sorriso, gli occhi, reiterare, emozione, positività, gesticolare, scioltezza, postura, resilienza, energia, positività, consapevolezza, sintesi, semplicità, divertimento, 3K, passione, contatto, empatia, respiro, leadership, baricentro, noi".

Il seminario è terminato con l’assegnazione del premio speciale del corso di due giornate della Management School di ETLINE e Associati, "Public Speaking", la cui vincitrice è stata Alessia Spagnuolo, Team Leader QVC.













Luciana de Laurentiis, Corporate Culture Manager di Fastweb






I formattori



Alessia Spagnuolo, Team Leader QVC



 
 


 
  Assertività comunicativa negoziale
14 Maggio 2013
 
   
 

Il terzo appuntamento con ETLINE e Associati, dedicato al "SAPER SCEGLIERE" per espandere in modo sano il proprio modo di agire con successo e per Negoziare Assertivamente.
Dopo gli strumenti per cambiare e superare i propri limiti dei primi due incontri, adesso è stato il momento di affrontare gli strumenti per AGIRE, al fine di valorizzare e potenziare le dinamiche relazionali negoziali e non essere ostaggi di paure, situazioni e persone.
Fin da subito, i partecipanti si sono confrontati in sottogruppo relativamente all'obiettivo negoziale desiderato. Ognuno dei tre gruppi era incentrato su di un focus preciso, ovvero la negoziazione nella vita privata, nelle relazioni alla pari con i colleghi e in quelle tra capo e collaboratore.

Gli obiettivi che sono emersi sono stati i seguenti:

  1. Nella vita privata: comprendere l'impatto della "mediazione" con l’altro e gestire il compromesso

  2. Con i colleghi: avere la capacità di condividere e raggiungere un chiaro obiettivo comune rispettando le posizioni altrui

  3. Nei rapporti capo collaboratore: riuscire a coinvolgere i propri collaboratori e creare un atmosfera di ascolto



La prima parte della serata è stata caratterizzata dall’intervento di Francesca Ceserani, Responsabile Selezione, Formazione e Sviluppo di BNP Paribas.
La sua testimonianza ha messo in risalto l'importanza di saper negoziare in azienda nei diversi ruoli e anche nell'ottica della diversity, ponendo l’attenzione sul fatto che la formazione portata avanti in questi più di 10 anni con ETLINE ha lavorato in particolar modo su far crescere le persone su: abilità nell'aver chiaro l'obiettivo, saper ascoltare attivamente, saper far domande, chiedere e dire di no in modo costruttivo.

La serata ha preso spunto quindi da questi temi attraverso l'intervento di Barbara Demi, che ha focalizzato l'attenzione sulle competenze negoziali assertive riportando il tutto alle neuroscienze e alla relatività di Einstein per favorire il passaggio da un energia negativa nel dialogo ad un'energia funzionale e positiva.
Per questo motivo si sono affrontati gli strumenti in grado di far passare le persone dalla logica "Cosa non voglio" che inquina le relazioni alla logica del "Cosa voglio" che spinge verso la negoziazione generativa, dalla logica delle "costrizioni" alla logica dei "confini-range" e infine dalla logica della comunicazione violenta alla comunicazione attiva e assertiva.
Successivamente, Barbara Demi ha illustrato le caratteristiche comportamentali che possono guidare le "modalità negoziali" personali attraverso la tecnica dei "5 drivers" portando ad elementi di funzionalità ed individuandone i rischi.
La parte finale della serata è stata poi affidata a Luciana de Laurentiis, Corporate Culture Manager di Fastweb, la quale ha illustrato in maniera concreta uno dei principali ostacoli alla negoziazione, ovvero la paura di dire di no, fornendo la tecnica dei 6/7 modi di dire di no.

A seguito delle diverse testimonianze, vi riportiamo le parole chiave finali maggiormente dette alla fine della serata dai partecipanti:
"Trasformare, consapevolezza del proprio obiettivo, consolidamento, coerenza con i propri desideri, concretezza, gestione dei confini, gestione del NO, sviluppo dell'emisfero destro, capacità nel definire cosa voglio, capire meglio se stessi per negoziare in modo funzionale, tempi negoziali".

Il seminario è terminato con l'assegnazione del premio speciale del corso di 2 giornate della Management School di ETLINE e Associati, "Un incontro tra mondi emozionali, tecniche per negoziare e risolvere i conflitti in azienda", la cui vincitrice è stata Anna Fontana di I. Work






Da sinistra a destra: Francesca Ceserani, Anna Fontana (vincitrice del premio), Barbara Demi e Luciana de Laurentiis



I 5 Drivers



Luciana de Laurentiis



Momenti di lavoro in gruppo



Primo sottogruppo



Secondo sottogruppo



Terzo sottogruppo



Tutto esaurito al seminario del 14 Maggio







 
 


 
  Come superare i “Nostri Limiti” nella vita e nel lavoro
18 Aprile 2013
 
   
 

Il secondo appuntamento con ETLINE per l’anno 2013 ha visto come protagonista il tema del superamento dei propri limiti, nella vita privata ed in quella professionale.

Per iniziare a lavorare "sull’espansione del sé", Barbara Demi ha condotto degli esercizi relativi alla bioenergetica, finalizzati a riattivare l’energia corporea e mentale dei partecipanti.

Dopo questo momento iniziale, l'obiettivo è stato quello di fare chiarezza su cosa significasse la zona di comfort, la zona di stress e la zona stretch, collegando il tutto al funzionamento del cervello. Questa analisi si è concentrata a partire dal primo anno di vita, fino ad arrivare all'età adulta, facendo riferimento anche alla teoria della neuro plasticità ed alla neuro genesi come possibilità di cambiamento e di crescita dell’individuo a qualsiasi età.

La seconda parte del seminario è stata caratterizzata dall'intervento di Luciana De Laurentiis, Corporate Culture Manager di Fastweb, che ha introdotto il suo discorso illustrando la propria esperienza "personale" come formatrice relativamente al tema della serata. Suggestivo è stato il racconto relativo a Pietro Mennea, grande esempio di tenacia e di volontà nel superamento dei propri limiti.

Nella parte finale del suo intervento, Luciana De Laurentiis ha condotto i partecipanti in un utile esercizio, la "margherita delle possibilità", all'interno della quale ciascuno ha potuto definire il proprio obiettivo e le diverse possibilità funzionali al suo raggiungimento.

La serata si è conclusa con alcune testimonianze e riflessioni da parte del pubblico condotto da Barbara Demi, dalle quali sono emerse alcune considerazioni finali riassunte a seguito:


  1. Bisogna volere fortemente qualcosa

  2. Una volta compreso ciò che si vuole, stabilire i passaggi necessari alla realizzazione

  3. Darsi un tempo per iniziare ed un tempo per agire

  4. Ascoltarsi e ascoltare anche le proprie paure




Sulla base delle riflessioni emerse dalle testimonianze di Barbara Demi e Luciana De Laurentiis, le emozioni finali raccolte dal pubblico sono state all'insegna del desiderio e della voglia di riuscire. come si può leggere a seguito: "andare oltre, non mollare mai, tenacia, superare, obiettivo, ostaggio, coraggio, impegno, desiderare, stella, voglia di espandersi, crescita, concretezza per farcela, voglio quindi posso, neuro plasticità".


Il seminario è terminato con l’assegnazione di tre premi speciali ad estrazione, le cui vincitrici sono:


  1. DANIELA FILUS di COIM SpA ed ex masterina ETLINE

  2. FRANCESCO LUPOLI di Fastweb

  3. SIMONA PELUSO di Kellogg’s



Guarda tutte le foto e le presentazioni!








BARBARA DEMI



LUCIANA DE LAURENTIIS, Corporate Culture Manager di Fastweb



BARBARA DEMI, LUCIANA DE LAURENTIIS e i VINCITORI DEL PREMIO: SIMONA PELUSO, FRANCESCO LUPOLI e DANIELA FILUS








 
 


 
  L’arte del cambiamento e il principio di attrazione
14 Marzo 2013
 
   
 

"Tutto esaurito al seminario del 14 Marzo sul Cambiamento!"
L’apertura del seminario è avvenuta sulle “note del cambiamento” grazie ad Igor Clementi, Manager HR Tamoil, che in questa occasione ha allietato il pubblico suonando la chitarra e cantando dal vivo la canzone da lui scritta, "Wait".

Dopo questo momento emozionante il seminario si è focalizzato sul tema dell’anno 2013, "scegliere" per concretamente partire con i primi esercizi legati al cambiamento, infatti i partecipanti hanno sviluppato 4 lavori di gruppo per dare il loro "senso" alla parola cambiamento, come riportato a seguito:


  1. Cambiamento significa abbandonare le vecchie abitudini per intraprendere le novità anche se la strada è difficile

  2. Cambiamento è la capacità di adattarsi a nuove situazioni sia in ambito privato che in quello
    professionale

  3. Cambiamento è la capacità di guardare la realtà con occhi nuovi e adattarsi alle situazioni che ci si presentano

  4. Cambiamento significa vedere le cose sotto un nuovo punto di vista



Ma cambiamento è anche "emozione" e le principali che sono emerse tra i partecipanti sono state le seguenti: "piacere, novità, fiducia, soddisfazione, entusiasmo, movimento, sorpresa, coraggio, gruppo, coraggio, curiosità, comprensione, rispetto, aggregazione, empatia, ascolto, condivisione, riconoscenza, mettersi in gioco".

Proseguendo sull'onda del cambiamento, Barbara Demi ha illustrato il legame tra neuroscienze e cambiamento stesso, concentrando l’attenzione sul funzionamento del cervello e spiegando come questo si attivi in situazioni di gestione e creazione di cambiamenti.

Il lavoro di analisi si è poi focalizzato su i collegamenti tra cambiamento e psicogenealogia, che si focalizza proprio sull'esistenza di una trasmissione psichica inconscia di informazioni tra generazioni per individuare permessi o ingiunzioni relative alle azione di cambiamento che possono essere presenti in ciascuno di noi.

Il passo successivo è stato quello di dare istruzioni per l’uso per cambiare, focalizzandosi sulla tecnica dei "Sei cappelli per pensare" e sul "Principio di attrazione", dove Barbara ha "dato vita e colore" a questi modelli, per far agire ai partecipanti "il metodo per ottenere quello che si vuole" concretamente.

Sulla base delle riflessioni emerse alla luce del seminario, le emozioni finali raccolte sono state all'insegna dell' "ottimismo logico" e della voglia di cambiamento. Le più scelte sono state: "ottimista, positivo, propositivo, emozionante, emozionata, impazienza di mettere in atto, positivamente confusa, energia, coraggio di cambiare, voglia di agire, ce la posso fare, metodo per cambiare nel lavoro e la vita".

Il seminario è terminato con l’assegnazione di due premi speciali ad estrazione, le cui vincitrici sono:

1. DANIELA FILUS di COIM S.p.A e appartenente al gruppo MASTER ALUMNI ETLINE
2. COSTANZA DI SALVIA, Manager Assistant presso Scatolificio Sandra S.p.A

ETLINE e Associati ringrazia tutti i partner della serata e AUGURA una Buona Pasqua!













Aldo Magnone Owner Arethusa



Igor Clementi Manager HR Tamoil



Igor Clementi Manager HR Tamoil



Daniela Filus Coim Settore Commerciale - Costanza di Salvia, Manager Assistant Scatolificio Sandra S.p.A






 
 


 
  Aspettando il Natale
22 Novembre 2012
 
   
 

"Seminario e Aperitivo Sensoriale
DAL CONFLITTO ALLA NEGOZIAZIONE
BARBARA DEMI E IL TEAM ETLINE"


Il Seminario del 22 Novembre ha preso vita tramite le voci di Barbara Demi e le sensazioni dell’aperitivo sensoriale.
I più di 200 ospiti della serata sono stati condotti inizialmente nel buio, come nell’ignoto si viene condotti ad affrontare le strategie di superamento conflittuale, per gustare e utilizzare tutti i sensi e sperimentare la realtà in modo diverso secondo processi mentali per noi inusitati.

Le emozioni che questa esperienza ha suscitato, mosse dal "guardare dentro" per "guardare fuori" con un altro punto di vista sono state tantissime, a seguito mettiamo le più ripetute: commozione, riflessione, allegria, concentrazione, vuoto positivo, contatto con i sapori, ricerca, comunione, stare su di me, ascoltarsi, paura, coinvolgimento, profondità, gioia, emozione forte.

Grazie alla sensibilità dell’ufficio comunicazione di Fastweb è stato possibile organizzare il toccante intervento della Lega del Filo d’oro, attraverso la testimonianza della responsabile Luigina Carrella e la storia di Maria Assunta de Murtas.
Le loro parole hanno riportato le persone in sala a fermarsi a riflettere su quanto sia importante nella vita imparare ad apprezzare quello che abbiamo e le vere priorità, imparando a "cadere" con la capacità di rialzarsi rapidamente, utilizzando tutte le risorse che abbiamo e normalmente non utilizziamo.
Con la guida di Barbara Demi sono poi iniziate le scenette di vita famigliare e professionale, per individuare in modo concreto come superare i conflitti-tunnel, dove potremmo rimanere bloccati come vittime, salvatori e persecutori.
Il lavoro interattivo insieme al pubblico ha permesso di vedere "cosa" e "come" uscire dai conflitti latenti ed espressi attraverso una carrellata di utili e concreti strumenti negoziali: dalla teoria dell’obiettivo alle credenze limitanti e potenzianti su di noi, sulle situazioni e sull’altro; dall’ascolto attivo razionale ed emozionale di noi stessi e dell’altro fatto di legame ed empatia, alle domande per trasformare il conflitto personale, affettivo e di rancore in quello cognitivo, fatto di divergenze e di dati concreti confrontabili.
Le emozioni finali sono state all’insegna del benessere e utilità dove le più scelte sono state: bene, sicurezza, positivo, concretezza, e quindi..., negoziazione!

Il seminario è terminato con i 15 premi "MASTER HR" Alumni Risorse Umane ETLINE, essendo stata questa serata anche l’occasione di raduno degli ex masterini che in 10 anni hanno calcato la Management School ETLINE, formandosi per affrontare la sfida di diventare punti di riferimento per la risorsa uomo:

1 VALENTINA BARNABA
2 GIANLUCA CASTELNUOVO
3 ANTONELLA COSTA
4 ROSANNA DE GIORGIO
5 MANUELA DE SIMONE
6 MONICA FERRARI
7 GIOVANNI GARDINI
8 GRAZIANO LUNARDI
9 SILVIA MAZZONI
10 ANGELO MOSCATELLI
11 NATALIA MUSAZZI
12 DANIELA PIRRO
13 VALENTINA REGINI
14 VICTOR RUSSO
15 SONIA TRAMONTANA

ETLINE e Associati ha poi estratto i Premi Speciali "Formativi e non" e con il Christmas Party ha poi chiuso all’insegna dell’allegria la serata del 22 novembre.

ETLINE e Associati ringrazia tutti i partner della serata e AUGURA un felice Natale e un 2013 pieno di EMOZIONI ed AZIONI costruttive, ricordando a tutti di ESSERCI FINO IN FONDO, per lavorare e vivere bene!








Lega del Filo d’oro - Luigina Carrella, Maria Assunta de Murtas




Lega del Filo d’oro - Luigina Carrella, Maria Assunta de Murtas










I premi speciali




"Master HR" Alumni Risorse Umane



SI RINGRAZIA PER LA SERATA



 
 


 
  Seminario – Il conflitto come risorsa
11 Ottobre 2012
 
   
 

Protagonisti della serata sono stati  La Morfopsicologia e il Conflitto come risorsa.  

Per iniziare la serata Barbara Demi ha invitato i partecipanti a scrivere le aspettative dalla serata, esposte a seguito per vestire su misura il suo intervento, che riportiamo in sintesi di seguito: "conflitto: imparare ad uscirne vincitrice, trovare soluzioni, approccio giusto e ridimensionamento del problema, come gestire rabbia e sentimento positivo, interesse nell’interagire, imparare a non subire il conflitto, strumenti di analisi del conflitto e su come affrontarlo, come non reagire istintivamente al conflitto, come recuperare l’equilibrio tra le parti? Saper affrontare il conflitto serenamente, risolvere i conflitti aziendali riuscendo ad anticiparli e gestirli, specialmente con i superiori, portare a casa i risultati anche nei conflitti difficili e dolorosi, chiavi per una visione positiva del conflitto, capacità di cooperare, ascolto, come affrontare le diversità" .

Natalia Musazzi, Responsabile dell'area Recruiting, Learning & Development di BNP Paribas Investment Solutions oltre che Local Innovation Manager di BNP Paribas Securities Services, ha portato la propria testimonianza su cosa sia la morfopsicologia e come possa essere uno strumento nella lettura dei conflitti interni ed esterni.

MORFO (Forma) e PSICHE (anima), la morfopsicologia permette una lettura della personalità attraverso quello che vedo della persona. Nel caso dei conflitti è emerso come diventi interessante analizzare i  movimenti del viso di ritrazione (tendenza alla chiusura e ad osservare più il mondo interiore) e di dilatazione (tendenza all’apertura agli altri e ad osservare il mondo esteriore) che noi possiamo maturare nel corso della vita.  Questo intervento è stata l’occasione per dare un veloce e nuovo stimolo nella lettura delle tensioni dell’essere umano (corpo) e comprenderne la stretta relazione con la nostra psiche (mente).

Bibliografia per approfondire: Viso e Carattere Iniziazione alla Morfopsicologia, Louis Corman, Ed. Mediterranee e Volto e Personalità, Corso pratico di Morfopsicologia, Ed. Mediterranee.

Barbara Demi, ha continuato la serata illustrando le caratteristiche neurobiologiche e culturali del conflitto, che possiamo ritrovare nelle diverse tappe evolutive della nostra vita, individuandone anche le diversità tra uomo e donna.

Questa è stata la prima tappa di due incontri (il prossimo sarà il 22 novembre) funzionali a far comprendere come il conflitto possa essere una risorsa per l’essere umano, diventando una scelta e non qualcosa da subire o evitare.

Le parole chiave che sono uscite dal questo primo incontro, per trasformare il conflitto sterile in un momento di crescita, sono state: OBIETTIVO (cosa voglio), ASCOLTO ATTIVO (con le sue componenti verbali e non verbali) e quindi le DOMANDE  per comprendere noi, l’altro e le relative diversità.

La parte formativa è terminata con le emozioni e gli apprendimenti con cui sono usciti i partecipanti, le parole chiave maggiormente ripetute sono state le seguenti: "lucidità e consapevolezza, pulire la mente dai pregiudizi, dare meno importanza alle cose superflue, emozioni forti, responsabilità con noi stessi, obiettivo, ascolto, domande, mappa dell’altro, empatia, risorsa, evoluzione".

La serata si è conclusa con l’estrazione di due percorsi formativi di due giornate relative alla negoziazione e la gestione del conflitto "Un incontro tra Mondi Emozionali", ottima occasione per approfondire il conflitto come risorsa, che sono stati  vinti da Luciana de Laurentiis di Fastweb e Tiziana Vasaturo di Cardif Vita.


Il Team Etline e Associati


Natalia Musazzi Responsabile selezione formazione e sviluppo
BNP INVESTMENT SOLUTION


Barbara Demi tra le vincitrici dell'estrazione del corso di Negoziazione e Gestione del Conflitto, Luciana de Laurentiis di Fastweb e Tiziana Vasaturo di Cardif Vita


 
 


 
  Seminario – Innovazione e cambiamento
17 Maggio 2012
 
   
 

Protagonisti della serata sono stati il Cambiamento e l’Innovazione, e come imparare a cavalcarli e subirli.
Per iniziare la serata Barbara Demi ha invitato i partecipanti a scrivere su cartelloni le aspettative dalla serata,
esposte a seguito: "energia positiva per affrontare i cambiamenti, proposte e suggerimenti, sicurezza in me stessa, gestire l’innovazione con entusiasmo, non avere paura dei cambiamenti, pensieri e visioni fuori dagli schemi, coinvolgimento, consapevolezza, ricarica, rottura di schemi, dinamismo, efficacia nella gestione di un nuovo stato d’animo, una idea illuminante, conoscenza, accettazione del rischio, costruirsi il futuro, cambiare il proprio stile di vita, sapersi adattare ai cambiamenti repentini, cambiamento = opportunità, cambiamento e nuova vita, correlazione tra innovazione e cambiamento?, trovare sempre nuovi stimoli per cambiare, atteggiamento sempre positivo, formula magica per cambiamento veloce, punti per convincersi e convincere, capacità e voglia di mettersi in gioco e di non aver paura di sbagliare, spunti ed esempi, guardare oltre le prime impressioni, come far comprendere la necessità di cambiamento?, bisogna per forza cambiare?"

Barbara Demi, ha permesso ai partecipanti di seguire un viaggio concreto nel mondo del Cambiamento "per cambiare il modo in cui affrontare il cambiamento stesso". Il cambiamento avviene tutt'intorno a noi e dentro di noi così rapidamente che necessita un vero e proprio "manuale di istruzioni" per comprendere e affrontare come cambiare in modo positivo il mondo fisico, le emozioni, i pensieri e persino quelle che consideriamo le verità della vita. In questo modo la serata ha fornito in pillole, quello che normalmente si affronta in modo concreto e interattivo nei corsi di formazione relativi al cambiamento: capire come la mente possa vivere e creare il cambiamento senza rimanere bloccata subendolo.

Natalia Musazzi, Responsabile dell'area Recruiting, Learning & Development di BNP Paribas Investment Solutions oltre che Local Innovation Manager di BNP Paribas Securities Services, ha introdotto il tema dell’innovazione in azienda, riportando l’esempio vissuto all’interno del proprio gruppo come processo formativo utile per creare un nuovo modo di essere e fare creatività.

Dario Resnati, Chief Innovation Officer presso BNP Paribas Securities Services, Head of IT presso BNP Paribas Securities Services di Milano, ci ha invece illustrato il progetto relativo all’Innovazione sviluppato nella sua azienda, secondo la metodologia del Creative Problem Solving fondata sul modello "thinking skills", evoluzione moderna del modello originale di Osborne-Parnes (University of Buffalo).
Tramite filmati, esercizi pratici e simulazioni ha fatto vivere ai partcipanti quanto la mente possa essere guidata a creare utilità invece che rimanere imbrigliata dentro esperienze paradigmatiche e involutive. La formula magica seguita è stata la seguente: INNOVAZIONE = CREATIVITÀ + ESECUZIONE + UTILITÀ.

La serata si è chiusa con le emozioni e gli apprendimenti con cui sono usciti i partecipanti, le parole chiave maggiormente ripetute sono state le seguenti "crederci, illuminazione, bambino positivo, possibilità, coinvolgimento, speranza, obiettivo, condivisione, divergenza e convergenza come metodo, collaborazione, non giudicare, reagire all’errore, illuminazione, fare domande!"

La serata si è conclusa con l’estrazione del percorso formativo di due giornate "Un incontro tra Mondi Emozionali" ottima occasione per imparare a cambiare, che è stato vinto da Simona Careri, di BNP Paribas Investment Banking.






Barbara Demi e Dario Resnati


Dario Resnati


Vincitrice premio Simona Careri, di BNP Paribas Investment Banking


 
 


 
  Seminario – La diversità uomo donna
17 Aprile 2012
 
   
 

La serata ha avuto come protagonisti la diversità Uomo e Donna. Per inziare, è stato proiettato un filmato/cartone animato di Bruno Bozzetto che con il solo uso di immagini e suoni, in 5 minuti ha riassunto l'universo mondo visto dagli occhi dell’uomo e della donna.

Barbara Demi ha dato avvio al seminario presentando il percorso della serata: la prima parte si è focalizzata sulla diversità uomo-donna dal punto di vista scientifico. Tramite la proiezione della presentazione è emerso come le differenze uomo-donna siano in primis causate dalla natura che ha disposto cellule, ormoni e cervello in maniera diversa: ecco perché l'uomo tende a essere "il guerriero" orientato al fare e la donna "la generatrice di armonia" orientata all’ascolto e alla comunicazione.

Luciana De Laurentiis ha poi affrontato il tema della comunicazione scritta nell'uomo e nella donna, ciò è chiaramente emerso da tutto il lavoro di ricerca che Luciana ha preparato in base al suo vivere quotidiano in azienda, e dalla sua ricerca come studiosa della comunicazione scritta. Tutto questo è possibile leggerlo nella parte di commento alla serata scritta da Luciana stessa.

Marilù Castellano ci ha invece accompagnato nel viaggio della multiculturalità: come "expat wife". Marilù da molti anni si è trovata a vivere in paesi diversi, alcuni simili alla nostra cultura, altri totalmente distanti da noi, sia in termini di chilometri sia di usanze. Interessante è stato capire come riesca una donna espatriata ad affrontare questa situazione e allo stesso tempo mantenere un solido rapporto con la propria famiglia. Si sono affrontate le fasi che caratterizzano il profondo cambiamento psicologico che avviene nella persona all’estero e con l'ausilio di splendide fotografie si sono evidenziati i diversi ruoli che uomo e donna ricoprono nella realtà di paesi stranieri.


"Le diversità nella scrittura al femminile e al maschile.

Innanzitutto chiediamoci se i testi scritti da uomini o donne siano riconoscibili in base all’appartenenza di genere. Durante il seminario abbiamo proposto un test: senza che fosse rivelato il sesso dell'autore di alcuni scritti (mail di lavoro, lettere, questionari ecc..) i partecipanti si sono cimentati a indovinare, solamente basandosi sullo stile e sulle parole utilizzate, chi avesse scritto i testi. Testi più concisi, "schematici" e orientati "al fare" quelli maschili e testi più "descrittivi", ricchi di aggettivi emozionali e orientati all'approfondimento quelli femminili.

Una riconoscibilità netta nel modo di scrivere che, come è stato dimostrato in aula, ricorre continuamente e "sconfina" in ciò che viene comunicato agli altri, ma non senza qualche sorpresa! Le differenze di scrittura tra uomo e donna quasi si annullano quando, per esempio, il contenuto del testo è di tipo "tecnico/professionale" a dimostrazione del fatto che, all'interno di un contesto specifico fatto di contenuti definiti, a prevalere sono soprattutto le regole che influenzano inevitabilmente il nostro modo di scrivere.

E allora c'è vera differenza nella scrittura al maschile e al femminile? Quantomeno sembra esistere nello stile di pensiero, nell'elaborazione delle informazioni e delle percezioni della realtà, da descrivere nel testo.  Se l'idea di realtà che ognuno di noi si costruisce è influenzata dal nostro essere uomo o donna anche il linguaggio si esprimerà di conseguenza: da uomo o da donna." Luciana de Laurentiis FASTWEB


Dopo questi meravigliosi viaggi e percorsi, la serata si è conclusa con l’estrazione del percorso di soft outdoor "Comunicare con gusto" in collaborazione con la prestigiosa Academia Barilla. Il corso è stato vinto da Noreta Jucan, di Pirelli.



Marilù Castellano, Luciana De Laurentiis, Barbara Demi


Luciana De Laurentiis


Marilù Castellano


Barbara Demi




















Vincitrice premio Noreta Jucan, di Pirelli



 
 


 
  Seminario - Brain and Body Fitness
14 Marzo 2012
 
   
 

"L’innovazione consiste nel vedere ciò che hanno visto tutti
pensando ciò che non ha mai pensato nessuno"

Albert Szent-Gyorgyi


La serata ha avuto il suo inizio con la lettura di Albert Einstein da parte di Federica Fracassi, form-attrice di ETLINE e Associati. Questo scritto ha fatto emergere subito la differenza tra “subire una crisi” e “innovare per superare la crisi” e ha introdotto il tema dell’anno delle serate di formazione gratuite: L’innovazione.
Legata a questo tema, è stata la consegna della targa “Innovation Award” ad Eugenio Amendola di Anthea, per l’impegno avuto dal 1997 ad oggi nella ricerca e applicazione dell’employer branding in azienda, come strumento innovativo per sviluppare e trattenere i talenti.
I corsi della ETLINE School sono stati vinti da Laura Bosser di Mapei, “Come affrontare e ridurre lo stress” e da Marco Danelutti di Peugeot, "Time management".
A seguito c’è stata una gradita sorpresa, l’estrazione di 5 copie del libro di Eugenio Amendola "Employer Branding e Nuove tendenze".
Barbara Demi, Roberto Crotti e Maurizio Balboni hanno poi condotto i partecipanti nel mondo mente e corpo, per fornire gli strumenti concreti con cui allenarsi ogni giorno e conquistare benessere organizzativo e personale.
Barbara Demi ha creato un vero e proprio percorso di "Brain Fitness" con il pubblico: ha dato avvio a tecniche mentali in grado di allenare la mente a lasciare i pensieri e le emozioni disfunzionali, esattamente come in palestra si allena il corpo a potenziare i muscoli deboli.
Dopo questa dose di ottimismo logico e di atteggiamenti concretamente positivi, è stata la volta di Roberto Crotti che attraverso semplici esercizi corporei ha fatto sperimentare come le spine irritative (cicatrici, traumi, posture sbagliate) possano influenzare negativamente e come intervenire per aumentare il benessere di tutti i giorni.
Maurizio Balboni, invece ha unito mente e corpo, attraverso l’applicazione della bioenergetica, per fornire utili esercizi funzionali a scaricare le tensioni e a ricaricarsi prontamente, evitando di sprecare energia. Attraverso le tecniche del respiro e gli esercizi di rienergizzazione, da utilizzare anche in ufficio, è stato sperimentato come sia possibile ridurre l’ansia, cancellare i pensieri negativi per rilassarsi e avere energia ad immediato utilizzo.

Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi.
La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
È nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
Chi supera la crisi supera se stesso senza essere "Superato" .
Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e da più valore ai problemi che alle soluzioni.
La vera crisi, è la crisi delle'incompetenza.
L'inconveniente delle persone e delle Nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d'uscita.
Senza la crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia.
Senza crisi non c'è merito.
È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lieve brezze.
Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo, invece, lavoriamo duro.
Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.
Albert Einstein



Federica Fracassi


Eugenio Amendola e Barbara Demi con il premio Innovation Award 2012


Luca Danelutti di Peugeot, Barbara Demi e Laura Bosser di Mapei


I vincitori del libro "Corporate Recruiting. Employer branding e nuove tendenze"


Roberto Crotti


Maurizio Balboni








 
 


 
  Seminario - Il linguaggio del corpo
nel lavoro e nella vita
24 Novembre 2011
 
   
 

"Non mi sembra un uomo libero
quello che non ozia di tanto in tanto"

M.T. Cicerone


Il Seminario del 24 Novembre ha preso vita tramite le voci di Barbara Demi e Gianluca Castelnuovo che hanno recitato divertenti scenette insieme a Simona Petreni e Stefano Bellantonio, mettendo in risalto come il corpo generi emozioni e reazioni in noi e negli altri.

Con la guida dei formatori, sono partiti i gruppi di lavoro dei partecipanti alla serata per individuare in modo concreto come il corpo comunichi nella comunicazione a due, in pubblico e come si differenzi la comunicazione corporea uomo-donna.
Ciascun gruppo ha messo in azione il proprio lavoro “come vere e proprie diapositive viventi” collegando il lavoro fatto alla vita di tutti giorni e alla vita aziendale.

Nella parte finale della serata il palcoscenico del Puerto Alegre ha ospitato Natalia Musazzi, Recruiting, Learning & Development BNP Paribas Investiment Solutions Italia, che ha parlato del corpo attraverso la morfopsicologia, che fedele al principio del filosofo Hegel, "non c'è nulla di più profondo della superficie", studia le Relazioni tra forme del Viso e la Personalità. Distanziandosi dalla visione statica della Fisiognomica, propone una lettura del volto in ottica dinamica, di continua trasformazione delle forme come riflesso dell’evoluzione interiore.

Come la tradizione ETLINE e Associati ama fare, il seminario si è concluso con l’estrazione della vincitrice del corso English Public Speaking per imparare a parlare in pubblico con due docenti madrelingua Italiano e Inglese, che è stato vinto dalla fortunata Monica Beghini di CartaSi, alla sua seconda vincita con ETLINE e Associati.
Alla fine della serata, in questo anno di festeggiamento dei 20 anni di ETLINE e Associati, è stata premiata l’azienda e la persona che ha usufruito in modo assiduo dei seminari gratuiti, con un corso manageriale a scelta. Il premiato è stato Riccardo Iarocci di Tamoil Italia.
La serata è poi passata ai festeggiamenti dove il corpo ha potuto godere del buffet offerto da ETLINE e Associati e poi lasciarsi andare ballando.


Barbara Demi e Gianluca Castelnuovo


Barbara Demi e Gianluca Castelnuovo


Barbara Demi e Simona Petreni


Stefano Bellantonio e Gianluca Castelnuovo


Barbara Demi, Gianluca Castelnuovo e Riccardo Iarocci, Tamoil Italia


Gianluca Castelnuovo, Monica Beghini di CartaSì e Barbara Demi


Natalia Musazzi, Recruiting, Learning & Development BNP Paribas Investiment
Solutions Italia e Barbara Demi




Team e Partner ETLine e Associati



 
 


 
  Seminario – Mediazione
6 Ottobre 2011
 
   
 

"Troviamo conforto grazie a coloro che sono d'accordo con noi
e cresciamo grazie a coloro che non lo sono"



Frank Clarke


Giovedì 6 ottobre 2011, il "Teatro i", teatro del centro milanese partner di ETLINE e Associati, ha ospitato la serata dedicata alla MEDIAZIONE.


La serata si è aperta con la lettura di una poesia di Nelson Mandela da parte di Federica Fracassi, form-attrice di ETLINE, per poi lasciare la scena al "Premio alla carriera consegnato a Lucio Tubaro, Legrand Group Vice-President Human Resources, International Subsidiaries & Processes, che ha raccontato il suo percorso professionale frutto della volontà e tenacia personali, nonché della chiarezza di obiettivi e determinazione nel raggiungerli.


Barbara Demi, grazie all’esperienza ventennale sull’argomento della negoziazione, ha sviluppato un vero e proprio percorso di coaching di gruppo con il pubblico, chiamato a riflettere in prima persona su vissuti, emozioni, azioni ed esperienze di mediazione del passato e del presente. Questo lavoro ha permesso ai partecipanti di individuare aree di debolezza del proprio stile-modalità di mediazione, individuando possibili scenari futuri positivi.


Il seminario si è concluso con l’estrazione della vincitrice del percorso di Coaching Individuale dedicato alla mediazione, Monica Beghini di Carta Si e con alcuni aforismi collegati alla tematica della mediazione come punto di partenza per nuove e future mediazioni.




Federica Fracassi


Lucio Tubaro, Legrand Group Vice-President Human Resources, International Subsidiaries & Processes Premio alla carriera ETLINE e Associati





Il Team ETLINE e Associati




 
 


 
  Seminario – Marte e Venere comunicano
7 Giugno 2011
 
   
 

"Quando Dio ha fatto l'uomo e la donna, non li ha brevettati…"


George Bernard Shaw




Il seminario di martedì 7 giugno, nel suggestivo scenario del “Teatro I”, è iniziato con la formattrice di ETLINE e Associati, Federica Fracassi che ha interpretato il monologo esilerante di Franca Rame sulla madre-casalinga-professionista-moglie-tuttofare.

Da questo spunto ha preso vita il tema della Diversità come valore attraverso le testimonianze di due ospiti che, intervistate da Barbara Demi, hanno portato la propria esperienza nei campi sia professionale che privato.



La prima ospite intervenuta, Francesca Ceserani, Recruiting, Training & Career Development Human Resources BNP Paribas Milan Branch, ha presentato l’importante progetto formativo dedicato alla Diversity sviluppato con ETLINE e Associati che ha toccato 60 donne di diversi ruoli portando l’attenzione sulla Leadership, sulla negoziazione, sulla gestione del tempo e sulla riduzione dello stress.

Un vero laboratorio, dove le tematiche sopradette sono state affrontate dal punto di vista pratico, per mettere in rilievo difficoltà al femminile e al maschile e come superarle trovando tecniche, strumenti e allenamenti personalizzati per ciascuna delle partecipanti. Obiettivo del progetto è stato quello di far raggiungere un benessere organizzativo e personale che permetta di ascoltare, stimolare e far crescere la diversità come valore nell’azienda che voglia essere di successo.


La seconda ospite, Giuliana Girino, ha raccontato il successo della propria iniziativa come fondatrice del blog “unamamma.it” ed autrice del libro “Il primo libro di una mamma”, utili voci per accompagnare le donne nei momenti difficili dell’essere madre fra i molti ruoli che la donna è oggi chiamata a ricoprire.


Ma il vero protagonista del seminario è stato il pubblico, che lavorando in sottogruppi ha individuato, raccontato e poi rappresentato, attraverso divertenti scenette, la Diversità tra uomo e donna nel modo di pensare, comunicare e agire.

Con la regia di Barbara Demi, Simona Petreni, Federica Fracassi, Stefano Bellantonio, Pasquale Fatigante il pubblico è andato in scena in modo divertente riproponendo i quotidiani scambi tra uomini e donne nei contesti della comunicazione, del litigio e della seduzione visti dal punto di vista femminile e maschile.


Come nella tradizione ETLINE e Associati il seminario ha avuto il momento di “dono formativo” che in questo caso è stato un percorso di Coaching Individuale dedicato alla Diverstity, nel lavoro e nella vita, vinto da Natalia Musazzi Recruiting, Learning & Development BNP Paribas Investiment Solutions Italia.


GUARDA I VIDEO DELLA SERATA




Recruiting, Training & Career Development, Human Resources, BNP Paribas
Italia


Autrice di UnaMamma.it Assistant of CEO of Chrysler/Lancia & Head of Jeep
presso Fiat FGA


Autrice di UnaMamma.it Assistant of CEO of Chrysler/Lancia & Head of Jeep
presso Fiat FGA



Natalia Musazzi Recruiting, Learning & Development BNP Paribas Investiment Solutions Italia, Federica Fracassi



































Il Team ETLINE e Associati


 
 


 
  Ricomincio da me
17 Febbraio 2011
 
   
 


"Non importa quante volte cadi.
Quello che conta è la velocità
con cui ti rimetti in piedi."


M. Calabresi

La serata del 17 febbraio è stata un’onda di ricordi, emozioni e azioni formative che concretamente hanno toccato la vita professionale di molte persone verso un benessere organizzativo e personale importante.

Barbara Demi e tutto il team ETLINE e Associati, in maniera autobiografica “hanno cucito”, insieme ai propri clienti il vestito della serata, dando pezzi di vita che facessero comprender quanto, per poter agire in maniera funzionale nella formazione sia necessario riuscire ad ascoltare la vita degli altri, per individuare insieme i comportamenti concreti nuovi da sostituire a quelli disfunzionali.

La risata e l’allegria ha fatto da cornice della serata agendo e non solo raccontando quanto sia "fortemente liberatoria la risata" nella vita e nei percorsi formativi.

E visto che anche il viaggio più lungo continua con un prossimo primo passo, ETLINE e Associati ha regalato anche una parte formativa dedicata al metodo delle Costellazioni, scoprendone insieme immediatezza ed efficacia, sia nei percorsi di coaching-counselling individuale e di gruppo, nel team building e nell’empowerment, che per rispondere alle richieste delle persone (nel privato o in azienda) e dei team di essere supportati a sviluppare le proprie potenzialità e la capacità di scelta in situazioni di disagio personale o organizzativa.

Il metodo presentato da Manuela de Simone, consulente ETLINE e Associati, ha mostrato
attraverso esempi concreti, come sia efficace utilizzarlo per aiutare le persone a risolvere problemi o migliorare situazioni/relazioni inerenti i loro vari sistemi di appartenenza (aziende ed organizzazioni di ogni ordine e tipo); un vero metodo di Problem Solving per la vita e per il lavoro.

La serata si è conclusa con l’estrazione di un incontro di Coaching vinto da Eti Altea, Università degli studi di Pavia IUSS.

Nella serata è anche stato presentato da Jessica Alessi di Secretary.it, il Manuale di scrittura per l'assistente di direzione, un volume unico nel suo genere realizzato con il contributo di professionisti della formazione, tra cui Barbara Demi e Stefano Bellantonio di ETLINE e Associati, specialisti della comunicazione e assistenti di direzione della community.

Ringrazio a nome mio e di tutto il team, chi ha preso parte alla serata e che ci ha celebrato con calore.

L'istruzione e la formazione sono le armi più potenti per cambiare il mondo, e da questa frase di Nelson Mandela e da molte altre dette da mio padre nella mia infanzia è nato il sogno di quello che oggi, grazie anche a voi, è diventato il successo di 20 anni di passioni ed emozioni formative di

ETLINE e Associati.


Barbara Demi





Manuela de Simone e Barbara Demi


Barbara Demi e Jessica Alessi (Secretay.it) presentano il nuovo libro: "Manuale di scrittura per le assistenti di direzione" edito da Buffetti al quale hanno collaborato Barbara Demi e Stefano Bellantonio.


Federica Fracassi


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: Tamoil - Ritira: Margherita Patera


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: Fastweb - Ritira: Francesca Natale - Consegna: Gianluca Castelnuovo


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: L'Oreal - Ritira: Rosanna De Giorgio - Consegna: Stefano Bellantonio


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: BNP Paribas - Ritirano: Alessandra Di Martino, Francesca Ceserani, Gloria Bornisacci - Consegna: Roberto Crotti


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: Barilla - Ritira: Cristina Lopez - Premia: Sergio Zuppelli


Premio Eccellenza Formativa - Azienda: Accenture - Ritirano: Barbara Bianchi e Lucia Di Luzio - Premiano: Barbara Demi e Stefano Bellantonio



Premio Eccellenza Formativa - Azienda: Solvay - Ritira: Alberto Gullotta - Premiano: Manuela de Simone e Barbara Demi


Premio alla Carriera: Rosanna De Giorgio - Premiano: Francesco e Barbara Demi


Premio alla Carriera: Alessandro Barattini - Premiano: Barbara Demi e Simona Petreni


Premio alla Carriera "Venti di Successo": Sergio Zuppelli - Premia: Barbara Demi


Eti Altea "Università  di Pavia IUSS" Vinoctrice del Conuselling organizzativo e/o personale - premia: Barbara Demi


Il team e i partner di ETLINE e Associati


 
 


 
  Seminario - ''Aspettando il Natale: CAMBIAMENTO ed ENERGIA''
18 Novembre 2010
 
   
 

"Nessun vento è favorevole per il marinaio
che non sa dove andare"

Seneca


Per concludere l’anno ed iniziare quello nuovo nel segno del cambiamento, il Seminario del 18 Novembre ha aperto la serata con la formattrice Federica Fracassi che ha narrato e recitato la favola di Andersen, “Il Brutto Anatroccolo”, simbolo del cambiamento e delle sensazioni di disagio che possiamo provare nelle trasformazioni di vita prima di diventare consapevoli di essere dei bellissimi Cigni.

Di qui il tema “cambiamento” ha preso vita in molte sfaccettature diverse, attraverso le voci di mente e corpo condotte da Barbara Demi, Gianluca Castelnuovo, Roberto Crotti e Stefano Bellantonio. L’obiettivo del seminario è stato quindi quello di condurre per mano i partecipanti in un viaggio concreto, pieno di elementi da utilizzare, per scegliere di cambiare in modo consapevole e con minor consumo di energia e tempo possibile. Infatti durante la nostra vita lavorativa, come in quella personale, spesso tutti arriviamo in riserva di energie a causa dei cambiamenti che abbiamo affrontato, forse alcuni molto impattanti, altri più leggeri; ma comunque sempre intensi. Questo seminario ha voluto esorcizzare e quindi accogliere il prossimo cambiamento che dovremo gestire, sia che sia voluto che non, grazie alle quattro aree da conoscere per “cambiare il cambiamento”: come ridurre lo stress durante un processo di cambiamento, come il contributo delle neuroscienze possa aiutare a cambiare con esercizi che favoriscano la neurogenesi (rinnovo cellulare), quale alimentazione e igiene posturale adottare per il nostro corpo che cambia e come superare la resistenza naturale al cambiamento.

Il coinvolgimento dei partecipanti, prerogativa forte dei nostri Seminari e della formazione ETLINE, ha fatto vivere sperimentalmente quali credenze limitanti ci spingano a vivere male ciò che cambia resistendo fino a che il dolore del cambiamento non superi la paura di cambiare. Per questo motivo il passaggio successivo, attraverso le seguenti domande, ha ristabilito priorità e desideri di cambiamento individuando azioni concrete da attivare per agire e non subire il cambiamento stesso; “quanto tempo dedichi a te, quanto alle cose importanti, quanto ad azioni futili e quanto al benessere degli altri?”.

Per l’area consueta delle buone notizie ETLINE e Associati con Multimethod, partner dell’area internazionale di ETLINE e International nell’ambito della formazione comportamentale in Inglese, hanno regalato una settimana di corso intensivo in lingua inglese a Canterburry presso la scuola Pilgrims, English For Human Resources Managers, vinto da Lucia Lizzi.

Il secondo premio in palio è stato invece un Coaching Individuale sul cambiamento mente-corpo vinto da Raffaella Losito.

ETLINE e Associati AUGURA un ottimo Natale e un 2011 pieno di Cambiamenti costruttivi, ricordando a tutti di ESSERCI FINO IN FONDO, per lavorare e vivere bene!

“Ci sono persone che vivono la vita presente,
ma si preparano con grande zelo come se dovessero
vivere una qualche altra vita e non quella che vivono.
Intanto il tempo si consuma e fugge via…”

Antifonte









Barbara Demi e Stefano Bellantonio




Roberto Crotti


Gianluca Castelnuovo


Lucia Lizzi - AUTORITA' ENERGIA - Vincitrice della Settimana Formativa in Iinghilterra, con Rossella Leone e Jonathan Coxall - MULTIMETOD



Barbara Demi e Raffaella Losito, vincitrice del coaching individuale sul cambiamento


 
 


 
  Seminario - ''Parlare in pubblico: La leadership negoziale come arte emozionale''
7 Ottobre 2010
 
   
 

"Con il tono giusto, si può dire tutto. Con il tono sbagliato, nulla: l’unica difficoltà consiste nel trovare il tono.."

George Bernard Shaw


All'insegna della ripresa, dopo le vacanze estive, dell’allenamento formativo insieme, il seminario del 7 ottobre ha avuto l’obiettivo di accrescere la leadership negoziale per riuscire, in situazioni con un pubblico, a catturare e a mantenere alta l’attenzione della platea. Molteplici quindi le applicazioni: dal lavoro, come nelle riunioni e nelle presentazioni ufficiali, alla vita privata, come in assemblee di condominio o durante serate con gli amici.
Le impostazioni ed i riferimenti utilizzati sono stati sia le tecniche di negoziazione strategica, portate da Barbara Demi, che le tecniche di espressione corporea teatrale, dimostrate da Federica Fracassi.
Questo connubio particolare di docenti e strumenti, realizzato ad hoc per la serata, è stato diretto allo scopo di imparare a costruire i discorsi in pubblico in modo chiaro, diretto agli obiettivi e imparando soprattutto a gestire le obiezioni e le domande con successo.
Le docenti hanno coinvolto i partecipanti con esercitazioni individuali e di gruppo, sul verbale, para verbale e non verbale e si sono quindi focalizzate sulla capacità di comunicare e relazionarsi con gli altri per potenziare la leadership oratoria e farla diventare un’arte emozionale di successo.
Sebbene infatti la paura di non essere efficaci di fronte ad un pubblico sia molto diffusa ed impedisca di raggiungere il risultato desiderato, la difficoltà non risiede nella situazione in se stessa, ma piuttosto nell'impossibilità di comunicare con tranquillità, esprimendo in modo funzionale quello che veramente vogliamo e senza faticare nel vedere una via di uscita.
Tra le chiavi per raggiungere questo obiettivo, sono stati proposti nel corso della serata, i temi del sapersi vedere in una situazione positiva, che è il primo passo per poterla costruire, il tenere l'energia alta e infonderla in chi ascolta e l'importanza di creare legame con l'altro, ad esempio attraverso il sorriso.
È stata ricordata anche l’importanza dell’ascolto e del fare domande per la gestione dell’obiezione e all’interno dialogo negoziale. Altre tematiche importanti sono state la riflessione per cui nessuno convince l'altro a cambiare, essendo ognuno il custode di un cancello che può essere aperto solo dall’interno e la strategia del far comprendere, che serve agli altri, piuttosto che dello spiegare, che serve a se stessi.
Nella seconda parte della serata sono anche stati assegnati a sorte dei graditi premi: due percorsi formativi della nostra Management School dedicati al ''Public Speaking Theatre'' e vinti da Rosanna De Giorgio di L'Oréal e Ilaria Del Ponte di Profero.

''O cavalchi la vita o essa cavalca te, ed il tuo atteggiamento mentale determina chi è il cavaliere e chi il cavallo''
Napoleon Hill




Federica Fracassi e Barbara Demi














Ilaria Del Ponte - Profero - e Rosanna De Giorgio - L'Oréal - Vincitrici del corso "Public Speaking Theatre"


 
 


 
  Seminario - ''La negoziazione difficile''
13 Maggio 2010
 
   
 

“ Nessun problema può essere risolto congelandolo”
W. Churchill



Il seminario del 13 maggio ha avuto come obiettivo principale quello di imparare ad affrontare gli “ostacoli” che la vita ci porta, guardando positivamente al futuro, invece che essere schiavi del passato, delle proprie paure e dei pregiudizi su di sé e su gli altri.
Il contributo delle teorie negoziali utilizzate a livello internazionale e della neuropsicofisiologia, sono stati i contributi per individuare come modificare il nostro approccio alle situazioni difficili e al conflitto, parte integrante delle abitudini umane, ma che spesso diventa qualcosa da evitare a tutti i costi.
Dopo l’aperitivo e il brindisi iniziale, che ha dato l’avvio piacevole alla serata, c’è stata la testimonianza di Francisco Medina di Bnp Paribas, vincitore del Life Coaching Energetico di otto ore messo in palio durante il seminario dell’11 febbraio. Come dichiarato dallo stesso Paco, questo percorso innovativo di Life Coaching Energetico® , condotto da Barbara Demi e Roberto Crotti ha portato ad una nuova consapevolezza e conoscenza di se stesso, nell’integrazione mente corpo per lavorare e vivere meglio.
Il seminario ha avuto ufficialmente inizio con una simpatica e auto-ironica gag, tenuta da Barbara Demi e Gianluca Castelnuovo, che metteva a confronto le tipicità maschili e femminili come due mondi diversi, con due modi di pensare, parlare, agire lontani fra loro, i quali molto spesso, appunto perché differenti, nella vita di tutti i giorni, ma anche nel lavoro, portano ad incomprensioni e difficoltà negoziali.
Dopo questo momento di simpatica condivisione dei “pregi e aree di miglioramento”, i partecipanti hanno potuto riflettere sui motivi più comuni per cui uomini e donne, nell’ambito famigliare specialmente, hanno delle incomprensioni e relazioni difficili–“litigi” e come attuare le possibili soluzioni negoziali.
Il passaggio successivo è stato quello di riflettere che per risolvere i malesseri e i problemi, è essenziale il dialogo e soprattutto la voglia di ascoltare se stessi e l’altro, di superare gli schemi e pre-giudizi, di andare oltre i ruoli fissi e avere sempre chiaro l’obiettivo di ogni situazione, con l’unico scopo di costruire relazioni sane e positive.
I problemi e i conflitti vanno, perciò affrontati, e devono diventare delle risorse da cui ripartire. Ma soprattutto, per non essere più ostaggi di scontri latenti od espressi, bisogna evitare di cercare di avere ragione a tutti i costi e ricordarsi sempre del nostro obiettivo.
Nel corso della serata sono state fatte anche due estrazioni relative a due percorsi della Management School ETLINE e Associati: la prima, vinta da Adriano Gardenghi di Tamoil relativa al percorso negoziale “Un incontro tra mondi emozionali: tecniche per negoziare e risolvere i conflitti in azienda e nella vita”, per imparare le più avanzate tecniche di negoziazione e per risolvere i conflitti in azienda e nella vita, e la seconda vinta da Cristiane Razende, relativa al corso di “Intelligenza Emozionale applicata al lavoro: come gestire il tempo, ridurre lo stress e generare benessere personale e organizzativo”, che insegna come utilizzare al massimo la propria energia, al fine di ridurre lo stress e aumentare il benessere.
Il seminario è terminato, con l’invito di Barbara ad attuare una piccola azione di cambiamento, da parte di tutti i partecipanti, per migliorare concretamente qualcosa relativo alle situazioni difficili vissute nella vita.
Lo spezzone del film Invictus, in cui il protagonista recita la poesia omonima, è stato il messaggio finale di “essere attori negoziali della propria vita”.

Invictus

Dal profondo della notte che mi avvolge,

buia come il pozzo più profondo che va da un polo all'altro,

ringrazio gli dèi chiunque essi siano

per l'indomabile anima mia.



Nella feroce morsa delle circostanze

non mi sono tirato indietro né ho gridato per l'angoscia.

Sotto i colpi d'ascia della sorte

il mio capo è sanguinante, ma indomito.



Oltre questo luogo di collera e lacrime

incombe solo l'Orrore delle ombre,

eppure la minaccia degli anni

mi trova, e mi troverà, senza paura.



Non importa quanto sia stretta la porta,

quanto piena di castighi la vita.


Io sono il padrone del mio destino:
io sono il capitano della mia anima.


William Ernest Henley







Francisco Medina - BNPPARIBASBarbara Demi e Gianluca Castelnuovo





Cristiane Rezende - Vincitrice del corso "Intelligenza Emozionale sul lavoro"


Adriano Gardenghi - TAMOIL - Vincitrice del corso "Negoziazione strategica"


Il Team ETLINE e Associati


VAI ALLA PHOTOGALLERY COMPLETA

 
 


 
  ''La comunicazione energetica''
18 Marzo 2010
 
   
 

“La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre”
A. Einstein


Il seminario del 18 marzo ha avuto come obiettivo quello di riprendere e approfondire “come agire” con energia nella relazione con gli altri, nell’ascolto dei nostri pensieri ed emozioni affinché diventino azioni oltre le nostre paure per agire il cambiamento comunicativo.
Il contributo della neuropsicofisiologia, della fisica dell’informazione e della conoscenza del funzionamento del cervello sono stati i contributi scientifici per individuare come modificare la nostra comunicazione, riconoscendo le trappole linguistiche nella vita e nel lavoro.
Prima di partire con il seminario Eugenio Amendola di Anthea Consulting, con Barbara Demi, ha ricordato il Summit del 27 Maggio sull’Employer Branding, e presentato la prima rivista Italiana dedicata ai talent consultabile online “Talent Management”.
Tra esercitazioni individuali e di gruppo, relative alla comunicazione e spunti teorici, Barbara Demi e Victor Russo si sono focalizzati su i punti fondamentali per realizzare una relazione energetica che porti al cambiamento e al benessere organizzativo e personale.
La neuropsicofisiologia ha dato nuove chiavi di lettura relative al funzionamento della nostra mente e della connessione psiche-mente-soma. Le riflessioni che si sono succedute hanno condotto i partecipanti a conoscere il funzionamento degli emisferi cerebrali, dell’amigdala e della neuro plasticità legato al linguaggio e all’utilizzo del verbale e non verbale.
Il nostro sè, il nostro modo di percepire e il nostro modo di interagire con il mondo sono il risultato delle funzioni dei due emisferi e delle aree che li costituiscono, tutto ciò è a sua volta il risultato delle esperienze, conoscenze e regole che abbiamo accumulato e tutto ciò è suscettibile di cambiamento grazie alla splendida risorsa del nostro cervello: la neuroplasticità.E’ lì che bisogna agire per il cambiamento. Modificare un circuito neurale è cambiare modo di pensare, di parlare e di agire.
Tutto questo ha portato alla comprensione che il fine del cervello è dar vita ad un “Io che deve diventarne proprietario assoluto per gestire e decidere della propria vita nel rispetto di sé e dell’ambiente umano e naturale (Aurigemma C., 2004)”.

Nella serata c’è stato un momento importante per i partecipanti: l’estrazione di un percorso formativo individuale di EFFECTIVE COMUNICATION COACHING dedicato al riequilibrio comunicativo pensiero-emozione-azione vinto da Claudia d’Agostino Unicredit Group.
Il seminario è terminato con primo allenamento di comunicazione energetica dove ciascun partecipante ha scelto un’azione concreta da attivare.



Barbara Demi e Victor RussoVincitrice del premio Effective Comunication Coaching: Claudia D’Agostino, Unicredit Goup









 
 


 
  Seminario - ''Energia in Azione''
11 Febbraio 2010
 
   
 

“Niente è più visibile di quello che è nascosto”
Confucio

La nota formula di Einstein, E = mc2 dimostra come massa ed energia si equivalgano e come siano due facce della stessa medaglia.
Ma che cos’è l’ENERGIA? Come può l’essere umano diventare consapevole di come utilizzare l’energia per generare AZIONI COSTRUTTIVE per il presente e il possibile futuro?
Quali abitudini, luoghi, oggetti, cibi, colori, musica, profumi, obiettivi sono fonte di energia?
Il primo seminario dell’anno ha preso il via con l’introduzione del tema formativo scelto come file rouge per il 2010, “L’ENERGIA” per esplorare l’uso consapevole dell’energia nel lavoro e nella vita, attraverso la scoperta della nostra capacità di “essere energeticamente creatori” e molto altro ancora...
Prima di partire con il via ai lavori energetici c’è stato l’ intervento di Eugenio Amendola di Anthea Consulting, che con Barbara Demi, ha presentato il Summit del 27 Maggio sull’Employer Branding, che rappresenterà una vera e propria tavola rotonda su questo tema, a cui parteciperanno esponenti di grosse realtà multinazionali per confrontarsi su tecniche e strumenti caratterizzanti dell’Employer Branding. Le aziende che risulteranno adottare i migliori strumenti di Employer Branding, saranno in questa occasione riconosciute attraverso l’assegnazione degli EB Awards, premi finalizzati a incentivare l’interessamento delle aziende a questa importante tematica.
Il nostro viaggio di consapevolezza alla scoperta dell’ENERGIA che è “dentro di noi e che siamo noi”, guidato dai due relatori Barbara Demi, per la parte emozionale e mentale e Roberto Crotti per la parte corporea, ha portato ogni persona a riflettere sulle proprie fonti di energia, su cosa realmente ci dà e cosa ci toglie energia, e su come persone, situazioni, problemi possano influire sull’energia vitale.
In un’atmosfera coinvolgente e divertente, si è giunti ad momento di confronto di esperienze e sensazioni, che ha portato ogni persona a soffermarsi sul valore dell’energia e su come questa possa esser fonte di PASSIONE, MOTIVAZIONE ed AUTOMOTIVAZIONE sia nel lavoro che nella vita privata.
Tra esercitazioni corporee e spunti teorici, si è presa coscienza di come la qualità della nostra vita non dipenda da quanta energia possediamo, ma da come la utilizziamo.
Ognuno di noi ha dentro di sé le potenzialità per sfruttare al meglio la propria energia, attraverso cui realizzare obiettivi, e soprattutto per raggiungere il proprio benessere personale.
Nella serata c’è stato un momento importante per i partecipanti: l’estrazione di un percorso formativo individuale di LIFE COACHING ENERGETICO dedicato al riequilibrio energetico mente-corpo vinto da Francisco Paco Medina di BNP Paribas – BNL.
Il seminario è terminato con un ballo fatto dai due relatori, simbolo dell’energia in movimento e azione.
Terminiamo questo abstract con una lettera di Barbara Demi dedicata a tutti voi.

“Per questo 2010 il nostro lavoro dei seminari gratuiti ETLINE e Associati vuole essere un contributo al benessere lavorativo e personale attraverso il mondo dell’energia. Per questo motivo oggi dedico tutto lo studio e lavoro che da vent’anni personalmente faccio in questo senso specialmente a tutti gli adulti senza sorriso che mi capita spesso di vedere.
Vorrei che, attraverso il nostro approccio, tutte queste persone ritornino a parlare con il proprio essere bambino. Solo tornando in contatto con il sé autentico e liberando la propria energia creativa, è possibile sciogliere quei muri che impediscono di assaporare in modo pieno l’integrità della propria esistenza.
E vorrei che questi adulti si lasciassero prendere per mano e ricominciassero a vedere la bellezza e la meraviglia, ritrovassero lo stupore che avevano da bambini, per guardare la vita e se stessi con passione, con leggerezza e con gioia, per amarsi e amare gli altri fino in fondo.”


BUON 2010 ENERGETICO!
BARBARA DEMI






Barbara Demi con Eugenio Amendola di Anthea Consulting


Vincitore del premio ad estrazione Life Coaching Energetico: Francisco Paco Medina, BNP Paribas - BNL








VAI ALLA PHOTOGALLERY COMPLETA

 
 


 
  Seminario - Aspettando il Natale: ''Corpo in Azione''
19 Novembre 2009
 
   
 

‘’La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente’’
Albert Camus


E se in principio era il "verbo"... poi arrivò il corpo!
Il corpo è la nostra vita in movimento, sono i nostri pensieri ed emozioni che diventano azione, trasformando i nostri desideri in obiettivi.
Con il nostro corpo influenziamo noi stessi e chi ci circonda, nel lavoro e nella vita.
Ma come fare per utilizzare il nostro corpo come amplificatore positivo di noi stessi?
Come fare si che il nostro corpo sia un segnale e non un sintomo di come stiamo fisicamente e psicologicamente?
Continuando il viaggio alla conoscenza di sé stessi, file rouge di questo anno e dedicandosi in modo mirato a come comunica il nostro corpo, Barbara Demi ha aperto la serata introducendo il collegamento tra come esprimiamo i nostri pensieri , le nostre emozioni e il corpo, punto di partenza da cui ripartire per affrontare in modo efficace situazioni e vissuti futuri.
Un’ atmosfera coinvolgente e dinamica ha fatto da scenario all’intervento della istrionica attrice e bravissima Formattrice ETLINE, Federica Fracassi. Il suo intervento ha sottolineato come nel teatro, analogamente a quanto avviene nella vita di tutti i giorni, ogni emozione sia fortemente legata ai gesti e le posture del nostro corpo e che ogni gesto è percepito ed interpretato in modi differenti dagli interlocutori, scaturendo quindi emozioni ed interpretazioni differenti.
I partecipanti, coinvolti in divertenti simulazioni, hanno sperimentato in prima persona la correlazione gesto-emozione, la diversità tra l’Uomo e la Donna nell’espressione delle emozioni e sentimenti, e le diverse modalità corporee utilizzate da entrambi per la manifestazione di stati d’animo analoghi.
Tra divertimento intelligente e curiosità la partecipazione del Chinesiologo, Posturologo e docente di temi sulla postura e il benessere Roberto Crotti, ha portato in attenzione come si formi il dolore fisico, come il nostro corpo comunichi “molto di noi” nel dolore cronico, come il corpo abbia una grande capacità di un proprio riequilibrio post traumatico anche se con la conseguenza di nuovi dolori frutto del nuovo adattamento. In questo intervento il corpo è diventato agli occhi dei partecipanti, un vero e proprio strumento-segnale di ascolto di sè, un punto di partenza per fare "prevenzione e corretta manutenzione" fisica-psicologica, e un "modus operandi" per il benessere psicofisico.

Durante la serata ci sono stati inoltre tre momenti suggestivi e importanti per ETLINE e Associati:

  1. la presentazione delle testimonianze di Laura Lucchini, Peugeot Milano, vincitrice dell’Analisi Grafologica e del percorso di Life Coaching nel corso del 1°Seminario dell’anno: “Conosci te stesso”. e di Pina Pergola Insegnante, vincitrice del percorso di Comunicazione.

  2. l’estrazione per due persone del percorso formativo della divisione Formazione Interaziendale Management School: "Public Speaking", vinto da Eliana Torretta Ace European Group Milano e Franca Damato Peugeot Milano.

  3. la consegna del “Cuore Antistress” simbolo di una serata dedicata a ricordare di porre ascolto e attenzione continua al meraviglioso mondo corpo-mente!












Laura Lucchini Peugeot MilanoPina Pergola Insegnante




Il corpo in emo-azione




Teatro in comunic-azione


La postura racconta il corpo




Il corpo si ricarica


La vincita del corso "Public Speaking 2010-Management school"
Franca Damato Peugeot Milano e Eliana Torretta Ace European Group Milano


Noi ci mettiamo il cuore



 
 


 
  ''Seminario: Pensiero, linguaggio e azione''
1 Ottobre 2009
 
   
 

''Il pensiero è il fiore, il linguaggio il boccio, l’azione il frutto''
Ralph Waldo Emerson

Nella nostra quotidianità è indubbio il potere che le parole esercitano su di noi e la loro influenza sulle nostre azioni.
Ma che ruolo ha il pensiero in tutto ciò?
Da dove nascono le parole e da dove derivano le nostre azioni?
Partendo da questi interrogativi, il Seminario ha evidenziato lo stretto legame che pensiero, linguaggio ed azione hanno nella nostra vita.
Attraverso esercitazioni pratiche e spunti di teoria, i partecipanti hanno svolto, in un’atmosfera solare e divertente, un viaggio attraverso la magia delle parole, cosa dire e non dire nel lavoro e nella vita per affrontare al meglio la quotidianità e per raggiungere una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità.
I partecipanti hanno vissuto in prima persona, attraverso simulazioni in aula, le modalità attraverso cui il pensiero si trasformi in parole ed in azione ed il modo in cui tutto ciò influenzi l’interazione con chi ci circonda ed il proprio stato d’animo ed emozione attuale.
Gli spunti teorici sull’Ontologia del linguaggio, che studia l’origine e la struttura delle parole, hanno rappresentato un momento altrettanto importante, che ha dato modo ai partecipanti di riflettere e valutare come tutte le nostre parole generino Azione e Cambiamento sia per se stessi che per gli altri.
Nello specifico, è stata presentata la differenza esistente tra 2 atti linguistici: l’Affermazione che indica la descrizione di qualcosa che già esiste (es: “Oggi c’è il sole) e la Dichiarazione che porta ad un cambiamento della realtà e alla generazione di qualcosa di nuovo (es: “Grazie… ”).
Ognuno di noi ha dentro di sé le potenzialità per raggiungere i propri obiettivi, ciò che conta è riuscire a trovare questa consapevolezza educando ed allenando la mente affinchè si raggiunga un benessere sia personale che professionale.
E’ proprio questo l’obiettivo dei nostri percorsi formativi ed in particolare dei percorsi di coaching e team coaching caratterizzati da un allenamento razionale ed emozionale e da un “educazione alla parola”.













Il Team ETLINE e Associati


 
 


 
  ''Seminario-festa aspettando l’estate:
La vita è improvvisazione''
28 Maggio 2009
 
   
 

In un periodo storico di cambiamenti, come quello attuale, il seminario ha voluto far riflettere e vivere, in una cornice particolare di teoria e pratica, “L’importanza di vivere la vita come improvvisazione in senso funzionale”. A fianco di spunti sulla storia, l’etimologia e il significato di “improvvisazione”, i partecipanti alla serata hanno riflettuto come l’improvvisazione, in ciascuno di noi, abbia rappresentato in più di un’occasione il momento emozionale della svolta decisiva.

L’arte di “improvvisare”, intesa come “atto di creare qualcosa mentre la si esegue, in maniera spontanea o banale, immediata e non premeditata” come ci dice l’etimologia stessa della parola, ci ha accompagnato per mano in questa serata; facendoci notare come i contesti in cui il termine “improvvisazione” viene più utilizzato siano la musica e il teatro, ma anche la danza, la pittura e numerose forme artistiche tra le quali fa da “Regina la VITA” di ciascuno di noi.

In un confronto di esperienze e di sensazioni tra tutti i partecipanti, la serata è sfociata in un vero e proprio spaccato di soft-outdoor di Improvvisazione Teatrale “l’Azienda va in scena®. Qui logica e creatività hanno portato i partecipanti a comprendere che la prerogativa migliore dell’improvvisazione sia non solo la propria percezione razionale e l’esperienza-competenza, ma anche la percezione “emozionale e creativa di cui il momento topico è l’intuizione geniale”.
Tra divertimento e colpi di scena i partecipanti, divisi in gruppi, si sono esibiti in scenette da loro costruite, ma “guidate ad hoc” dall’abilità di improvvisazione dei narratori di altri gruppi dando vita a situazioni straordinarie, improvvise e divertenti, un po’ come ciascuno di noi si appresta a vivere il lavoro e la vita giorno dopo giorno.

La serata si è poi conclusa con due momenti importanti per ETLINE e Associati:
  • è stato consegnato a Walter Bertolaso, Direttore Risorse Umane e Giuridico di Peugeot il “Premio Eccellenza Formativa 2009”, per aver promosso la qualità e l’eccellenza della formazione in Peugeot Automobili Italia con il supporto formativo di ETLINE e Associati dal 1995 al 2009. Il Premio è stato ritirato da Carlotta Savi, Responsabile Formazione Peugeot Automobili Italia.
  • La vincita di due percorsi formativi della divisione Formazione Interaziendale, Action Training (corsi di formazione di una giornata interattivi e concreti, volti all’apprendimento delle tematiche base della relazione con l’altro: ComunicAzione, NegoziAzione e Public speaking fit, Intelligenza emozionale applicata al lavoro ). ComunicAzione: Pina Pergola Insegnante Istituto Superiore, NegoziAzione Sandra Ermacora Responsabile Formazione Fastweb.








Consegna premio “ECCELLENZA FORMATIVA” 2009 a
Walter Bertolaso Direttore Risorse Umane e Giuridico
Peugeot Automobili Italia,
ritira il premio
Carlotta Savi Responsabile Formazione Peugeot Automobili Italia



Vincitori dei corsi ACTION TRAINING:
COMUNICAZIONE” Pina Pergola Insegnante Istituto Superiore
NEGOZIAZIONE” Sandra Ermacora Responsabile Formazione Fastweb


 
 


 
  ''Conosci e riduci il tuo livello di stress''
2 Aprile 2009
 
   
 

''Ci sono persone che vivono la vita presente ma si preparano con grande zelo come se dovessero vivere una qualche altra vita e non quella che vivono: e intanto il tempo si consuma e fugge via.'' Antifonte

Il seminario è iniziato con la presentazione delle testimonianze delle persone e delle aziende che hanno vinto i percorsi formativi durante il seminario natalizio (Le testimonianze complete le troverete nell’area chi siamo-dicono di noi del nostro sito).

Tra divertimento e riflessione la serata ha portato i partecipanti a far emergere i pregiudizi e le cause che portano allo stress per arrivare a stilare un ''decalogo'' concreto e pratico da utilizzare nella vita e nel lavoro (sotto riportato).
Attraverso esercizi e lavori di gruppo i partecipanti hanno confrontato le varie esperienze di vita per individuare le proprie trappole “fonti di stress” e trovare delle alternative concrete di ''riduzione stress''.
La serata si è conclusa con l’estrazione del percorso formativo : “Intelligenza emozionale applicata al lavoro: come gestire il tempo, ridurre lo stress e generare benessere personale e organizzativo” (i dettagli del corso li troverete nell’area Formazione Interaziendale Management School) vinto da due persone del pubblico: Paola Orsolini Amministratore Delegato di Condor’s Rubber e Sara Giunta Accenture Recruiting Group.
Decalogo antistress :
Ridere
Rallentare e rilassarsi
Seguire i propri interessi e i propri hobbies
Dedicare più tempo a se stessi
Autostima
Sorriso
Premiarsi
Serenità e positività
Andare “oltre con altro”
Niente fallimenti ma solo risultati!
















Vincita corso individuale ''Intelligenza emozionale applicata al lavoro: come gestire il tempo, ridurre lo stress e generare benessere personale e organizzativo'' della nostra Management School
Paola Orsolini – Amministratore Delegato Condor’s Rubber e Sara Giunta Accenture Recruiting Group



 
 


 
  ''Conosci te stesso''
Viaggio alla scoperta di sé oggi per costruire il futuro di domani
24 Febbraio 2009
 
   
 

Il seminario è iniziato con la presentazione del tema formativo dell’anno che sarà da tessuto per tutti i seminari: CONOSCI TE STESSO. Prima di decollare per il futuro abbiamo fatto un viaggio nel tempo per visionare, attraverso le parole dei direttore HR e altre figure di rilievo, “come e cosa” è stato fatto da ETLINE e Associati nelle aziende per aiutare a conoscere se stessi. (Le interessanti testimonianze complete le troverete nell’area coaching e counselling del nostro sito).
Attraverso le tre sfere dell’io è iniziato il viaggio dentro di se per riflettere sul proprio se reale, il se ideale e quello tiranno e trovare la strada per aumentare la potenza del se reale e diminuire il se ideale- tiranno.
Tra divertimento e riflessione il viaggio ha portato ogni persona a riflettere sui propri “DEVO” e i propri “VOGLIO” fotografando la propria situazione attuale.
A questo punto sono venute spontanee le seguenti domande: quanto sono portato veramente a realizzare i miei “voglio”? Quanto riesco ad abbandonare i miei “devo”? E infine come è possibile rendere possibile tutto ciò?
La grafologia e la concretezza dell’approccio negoziale dell’obiettivo hanno portato i partecipanti ad analizzare la propria scrittura per capire il proprio modo di agire nell’ approccio al cambiamento verso i “VOGLIO” e facilitarlo.
Dall’analisi della firma e di alcuni “segni grafologici” di una lettera scritta dai partecipanti e con l’aiuto di un caso pratico in plenaria, sono arrivate molte risposte e stimoli.
La serata si è conclusa con l’estrazione di un’Analisi Grafologica e un percorso di Coaching vinto da Laura Lucchini di Peugeot Milano.









 
 


 
  "Aspettando il Natale"
"Essere Umani"
1000 lenti per vedere sentire e agire
20 Novembre 2008
 
   
 

Data astrale 20 novembre 2008 il seminario ha inizio con le voci di un Marziano, Gianluca Castelnuovo e una Venusiana, Barbara Demi che allegramente hanno introdotto la serata confrontando i due mondi diversi, ma intrecciati tra loro: quello maschile e quello femminile.
Attraverso queste due grandi “lenti” con cui osservare e conoscere la realtà, interventi del pubblico e scenette, la serata ha affrontato come in effetti uomini e donne sentano, pensino, parlino e ascoltino in modo differente.
Tra divertimento e riflessione quindi sono emersi sogni e paure, speranze e difficoltà, razionalità ed emozioni che si incontrano, confrontano, conoscono e talvolta non si capiscono con l’obiettivo di trovare “un’anima comunicativa comune” nel lavoro e nella vita.
La serata ha premiato la voglia di crescere di tutti, marziani e venusiane con quattro premi importanti regalati da ETLINE e Associati: tre corsi della Management school a scelta e un corso di due giornate monoaziendale sulla comunicazione negoziale per otto persone.
Il seminario, emozionalmente stimolante e divertente è terminato con una lettera a Babbo Natale, per scherzare insieme sul presente e costruire insieme un futuro per il 2009 positivo e di crescita. La serata è poi continuata in leggerezza al Puerto Alegre per cenare, brindare e ballare tutti insieme festeggiando i successi del 2008 raggiunti INSIEME.

Caro Babbo Natale,
anche quest’anno arriverai, perché io so che esisti e che forse sei Sergio Zuppelli.
Ora infatti sei qui  con noi e hai parcheggiato  la slitta Ford in box.
Mi spiace che in questi ultimi mesi tu abbia  avuto tanti problemi  con la tua slitta, e per questo, visto che sei Babbo Natale, regalati una Peugeot o una Alfa Romeo in modo che quest’ anno saremo sicuri che consegnerai tutti i regali per tempo.
Ah dimenticavo?? Hai rinnovato l’assicurazione con Cardif??
 So che una donna non dovrebbe dare consigli ad un uomo, specialmente se quest’ uomo è Babbo Natale, scusa ma è più forte di me!!?
Tra poco partirai per il tuo giro organizzato, grazie ad RSI e alla consulenza Accenture (qui caro Babbo chiedo un regalo: un vestito colorato per ognuno di loro perché sono bravissimi!!!…ma sempre vestiti in grigio che noia!!).
Grazie anche a Fastweb perché adesso le letterine non ti arrivano più per posta, ma per mail e sono veramente tante!! E grazie anche a Valentino Rossi e alla sua moto perchè le letterine scritte a mano le ha portate lui con le sue manine sante!!.
Prima di partire ricordati di far rifornimento alla Tamoil perché le renne che si rispettino vogliono solo il meglio!!
Adesso che ti guardo bene sei veramente ringiovanito, beh!! d'altronde!! utilizzi le creme Sisley non potrebbe essere diversamente.
Per ultimo visto che lavori così tanto e io mi preoccupo di te, ti dico:
ricordati di mangiare bene, perché “mens sano in corpore sano” .
Fai colazione con i “pan di stelle” che troverai in cielo e quando avrai molta fame, fatti una bella pasta con il fusillo Barilla che hai nella tasca della tuta, anche perché mentre lo prenderai in mano,  lo guarderai ti ricorderai di tutti i tuoi amici folletti emozionandoti: Victor Manuela Simona Marina Raffaella e tutti gli altri.

Allora Babbone, quest’anno Noi di ETLINE siamo stati tutti buoni, anche se Marina come stacco di coscia è più “bona di me”! A tette però, Babbo Sergio, vinco ancora io!.
Ecco qui che ti faccio le mie richieste.
Caro Babbo ti chiedo: portami via il commercialista, le tasse, la crisi che ci angosciano tanto e portali  ai mondi paralleli  che ne hanno più bisogno di noi.
Dalli piuttosto agli extraterresti come x file in modo che facciano i loro esperimenti inventandosi la finanziaria galattica.
Altra richiesta caro Babbo, fa che tutti gli uomini e donne  che sono qui in sala ricevano bei regali e fai si che non ricevano regali inutili come le agende gentilmente regalate dalle banche (e  questo è il mio appello a tutte le banche presenti). 
Perché? Perchè  cosa se ne fa uno di 20 agende oggi nell’epoca delle agende elettroniche caro Babbo mio?
Certo si possono sempre tirare alle suocere, ma aihime non fanno abbastanza male!!
Non portare  neanche i guanti da forno, la tovaglietta di natale per la colazione o il portapane natalizio, anche perché se continua così, con la vita che facciano non potremmo più nè cucinare ne fare colazione a casa!!!

Per finire Babbone caro ti chiedo di portare ad ogni uomo e ad ogni donna un biglietto per vedere al cinema il cartone animato “wall e” per vivere la vita con più poesia e con la voglia di essere donne e uomini fino in fondo, l’uno con l’altro e uno per l’altro, ricordandosi sempre che la cosa più bella della vita è VIVERE INTENSAMENTE OGNI GIORNO COME SE FOSSE L’UTIMO E CON TANTI SOGNI E COSE DA REALIZZARE COME SE CI FOSSERO ANCORA PIU’ DI CENTO NATALI.

GRAZIE TUA FAN BARBARA DEMI







1° premio corso individuale a scelta tra il calendario della nostra Management School
Ilaria Zanusso - Accenture




2° premio corso individuale a scelta tra il calendario della nostra Management School
Erica Maggioni - studentessa




3° premio corso individuale a scelta tra il calendario della nostra Management School
Dario Resnati - BNP Paribas







 
 


 
  ''CreAttività''
Dalla libertà di pensare alla libertà di agire
30 Settembre 2008
 
   
 

..La musica dello Zecchino d’Oro echeggiava quando il seminario ha avuto inizio creando un magico ancoraggio nel tema della serata: la CreAttività. La “bacchetta” di Barbara Demi ha riportato il pubblico all’essere e sentirsi bambini per scoprire come ritrovare la capacità di creare nella vita e nel lavoro, liberando le menti dal senso del dovere!

Per questo motivo un foglio bianco è stato lo stimolo iniziale per scrivere tutto ciò che in quel momento passava per la mente.
Ed ecco che la razionalità ha preso il sopravvento, la maggior parte delle persone ha scritto partendo dalla parte superiore sinistra del foglio, in modo ordinato e preciso, riga dopo riga, concetto dopo concetto.
L’abitudine a schematizzare, ordinare, seguire delle linee guida è saltata immediatamente all’occhio e da qui il viaggio per uscire dagli schemi è iniziato con la guida di contributi teorici di varie teorie e modelli (l’Analisi Transazionale (A.T.), la Programmazione Neuro Linguistica (P.N.L.), la Grafologia e la Strategica).

Il secondo foglio bianco invece ha portato i partecipanti a scrivere tutte le emozioni provate nella giornata-o nell’ultimo periodo trascorso
e quello che è emerso è stato che le sensazioni negative imperavano.
Le emozioni e sensazioni negative sono come “carcerieri” in cui la nostra creatività si imbriglia. Questa creatività bloccata ci impedisce di costruire la nostra vita diventando ostaggi di persone e situazioni e impedendoci di stare bene
L’analisi transazionale ha dato lo spunto, .attraverso un accenno agli stati dell’io (il Genitore (G), l’Adulto (A) e il Bambino (B)) per capire cosa blocca e cosa libera la creAttività.

Il Genitore come valori, regole principi è positivo, ma se è eccessivamente presente, oppressivo, diventa la nostra parte giudicante, critica che impedisce di essere creativi, porta a pregiudizi e credenze limitanti, che non sempre ci fanno sentire all’altezza della situazione, (es. “Non ce la farò mai…”).
Questo tipo di atteggiamento spesso è legato anche a livello verbale ad un linguaggio giudicante che utilizza la parola “perché” e ci fa restare dentro i problemi anziché trovare strategie per uscire dalle difficoltà creativamente e andare verso le soluzioni.

L’Adulto è la nostra parte razionale e funzionale, ci dice COME e COSA fare per uscire da una situazione critica, ovvero creare una strategia flessibile e successivamente pianificare azioni e obiettivi concreti da mettere in atto. Farsi domande con il Cosa e il Come diventa quindi l’inizio della via creativa.

Infine il Bambino Libero (e non adattato), ci da il permesso di uscire dalle gabbie o credenze limitanti ed entrare in contatto con le nostre emozioni, con ciò che vogliamo e con ciò che vorremmo essere e vivere liberando la creatività.

Essere Creativi non vuol dire solo ed esclusivamente inventare qualcosa di nuovo, vuol dire anche e soprattutto sapersi dare la possibilità di uscire da una situazione di malessere o spiacevole. Prendersi il tempo necessario, chiedersi cosa ci impedisce di uscire dalla situazione negativa, trovare le strategie funzionali e raccogliere le risorse in nostro possesso diventa la vera creAttività

Trovare il coraggio di cambiare e innovare creativamente non deve arrivare solo quando il dolore vissuto nella situazione critica è molto più forte della paura del cambiamento, ma come conseguenza di un reale, sano bisogno di benessere e successo.

“Lo Stelliere” cantata da Francesco e Ludovico, ci hanno riportato ai nostri sogni e alla bellezza di continuare a creare per vivere positivamente!!
Buona lettura!


LO STELLIERE.



Abito nel cielo dall'altra parte della luna 

Dove volano i sogni in cerca di fortuna 

Accendere le stelle è questo il mio mestiere 

Io di notte faccio… lo stelliere 

Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum 

Come immaginerete le stelle sono tante 

E faccio una grande fatica per accenderle tutte quante 

Su e giù per l'universo ininterrottamente 

Perché le stelle son sogni e non posso lasciarle spente 

Oh no…oh no… 

E allora accendi le stelle tu sai come si fa 

Per ogni stella che brilla un sogno nascerà

Accendi le stelle, accendine più che puoi 

Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi. 

Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-uaUacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua 

Proprio come una stella ogni sogno sembra lontano

Ma è molto più vicino di quanto immaginiamo 

E non devi fare altro che crederci veramente 

Io penserò alle stelle…non le lascerò mai spente! 

Oh no…oh no… 

E allora accendi le stelle tu sai come si fa 

Per ogni stella che brilla un sogno nascerà 

Accendi le stelle accendine più che puoi 

Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi. 

Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-uaUacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua 

Adesso se mi chiedono da grande che vuoi fare 

So cosa rispondere, so cosa sognare 

Accendere le stelle, sarà questo il mio mestiere 

Voglio fare anch'io….lo stelliere 

E allora Accendi le stelle tu sai come si fa 

Per ogni stella che brilla un sogno nascerà 

Accendi le stelle accendine più che puoi,

Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi. 

Accendi le stelle, Accendine più che puoi 

Accendi le stelle! 


23.11.2002.

45° Edizione Zecchino d'oro.

Brano vincitore.

Testo: E. Bennato – G. Magurno – O. Della Libera


















 
 


 
  Festa del sole - EmoAzioni
Dall’alfabeto delle emozioni al linguaggio delle competenze emotive per vivere la vita e l’azienda InteraMente
5 Giugno 2008
 
   
 

Questo speciale seminario sulle Emozioni si è svolto al Teatro I, ed è stato presentato e condotto da Barbara Demi e Federica Fracassi (attrice e formattrice del team di ETLINE e Associati).
La scena si apre con Federica Fracassi e Irene Valota (anch’essa attrice) con la “Trilogia della villeggiatura” di Carlo Goldoni - Atto 2 Scena dodicesima - Giacinta e Vittoria.
Questa scena si basa sul conflitto e ci mostra emozioni negate (faccio finta di essere carina con l’altro e invece lo vorrei uccidere!) e degli “a parte”, in cui le due attrici comunicano direttamente al pubblico i loro sentimenti reali. Ci fa vedere come passano le emozioni dal corpo, dal viso: quale emozione credo di far trasparire e quali emozioni invece appaiono agli altri.
“Se fossi meno sensibile soffrirei meno”…vi è mai capitato di pensarlo?
Siamo spesso pronti a credere che “non sentire” non comporti conseguenze, invece reprimere le emozioni è dannoso, non solo non fa diminuire la sofferenza ma la fa aumentare. Come corpo e mente, anche le emozioni hanno bisogno di spazio per crescere, solo così si può diventare emotivamente maturi nella vita e nel lavoro, occorre quindi un “allenamento mentale” per darsi il permesso di emozionarsi.
È importante sentire emozioni e sensazioni, senza questo è impossibile ricevere e dare felicità; ed è altrettanto importante sviluppare creatività, processo intuitivo che si attiva se le emozioni sono mature, e sane.
Le emozioni (sia positive che negative) devono essere non solo agite (per es. sono arrabbiato e agisco con freddezza e acidità con chi mi stà intorno) ma comunicate all’altro in modo costruttivo.
L’obiettivo del seminario si articola in più livelli: approfondire l’ascolto di sé, l’ascolto dell’altro, comunicare in modo coerente con i vari canali (verbale, paraverbale, non verbale), comunicare utilizzando dati di realtà.
L’ascolto di sé, sembra un’attività banale, ma spesso è proprio ciò che facciamo più fatica a fare e ad accettare. È essenziale imparare ad ascoltare i propri sentimenti ed emozioni, dare spazio a queste emozioni e darsi il permesso di provarle, senza per questo sentirsi ridicoli o sentirsi dei mostri.
Nel momento in cui siamo consapevoli di questo, possiamo comunicare le nostre emozioni anche agli altri e ascoltare l’altro senza distorsioni ed etichette (che noi utilizziamo continuamente per dare un senso a ciò che ci circonda) evitando di dare giudizi favorendo invece il confronto che può nascere solo dall’ascolto attivo e dalla reale intenzione e motivazione di accogliere e capire l’altro.
Si giunge così al terzo livello che riguarda l’uniformità dei canali comunicativi, attraverso i quali posso comunicare la mia emozione all’altro in modo chiaro e coerente. Spesso infatti con le parole diciamo qualcosa, ma con il nostro corpo comunichiamo altro, e il nostro interlocutore, più o meno consapevolmente, coglie che c’è qualcosa che non va. Occorre quindi superare le barriere che portano alla chiusura e parlare all’altro liberamente, con rispetto, di ciò che sto provando.
Infine si sottolinea il fatto che, in alcune situazioni, per gestire una situazione difficile o per far capire all’altro cosa stò provando e perché, è importante ancorarsi a dati di realtà, evitando di far riemergere cose del passato o parlare di cose non ancora avvenute. I dati di realtà ci aiutano ad arrivare al nostro obiettivo di comunicare all’altro utilizzando le emozioni in modo efficace e funzionale.
Questa prima parte si è conclusa con l’intervento di due persone del pubblico rappresentanti una l’universo femminile, l’altro maschile, che hanno dato la loro testimonianza su come si emozionano oggi uomini e donne, (somiglianze e differenze, dal passato ad oggi) facendo riferimento alle loro aziende di provenienza che rappresentano proprio due prodotti e due emozioni riferite per convenzione una alla donna (prodotti di bellezza e cura del corpo) e una all’uomo (carburante legato quindi all’uso dell’automobile). Questa netta distinzione oggi stà scemando perché anche gli uomini curano sempre di più il proprio aspetto e parallelamente le donne al volante cercano sempre più emozioni legate alla velocità e al “potere”.

Nella seconda parte del seminario il pubblico stesso, diviso in gruppi, è divenuto attore principale e, con l’aiuto dei formatori, si è dato inizio a un teatro d’improvvisazione in cui ogni gruppo aveva il compito di sviluppare una situazione. Una volta definito il luogo della scena gli attori, partendo da una situazione problematica, dovevano associare ad essa un’emozione unica di sfondo, ed un’azione per arrivare ad una risoluzione/risultato.
I luoghi prescelti per creare e inventare una situazione teatrale erano: ospedale, stadio, cinema, posta, locale in festa, aereo
Sono stati messi a disposizione degli attori parrucche e oggetti vari per “immedesimarsi” al meglio in un personaggio.
Ogni gruppo ha dato vita e sviluppato la situazione assegnatali, suscitando ilarità e stupore negli altri partecipanti. La serata si è conclusa con la condivisione in plenaria dell’importanza di lasciare emergere le proprie emozioni per il benessere nella vita lavorativa e personale.